17 maggio:Furore festeggia san Paquale Baylon

0

“San Pasquale Bailonne/protettore delle donne/mannateme nu marito/rubicondo e sapurito/come a vvuie tale e quale/gloriosissimo san Pasquale” Questa strofetta, in uso particolarmente nell’Italia meridionale, sta a significare l’adorazione delle donne, particolarmente quelle da marito, per il santo.
Nato il 17 maggio del 1592 in Aragona. Cons’derato il teologo dell’Eucarestia, nonostante abbastanza illetterato, per le profonde dispute che sostenne con i calvinisti francesi, come per gli scritti che ci ha lasciati. Papa Leone XIII° lo proclamò patrono delle opere eucaristiche e dei congressi eucaristici internazionali. Era stato avviato dai suoi genitori, molto poveri, al pascolo delle greggi. Gli fu rifiutato l’ingresso al convento di santa Maria di Loreto, mentre egli rifiutava una eredità offertagli da un allevatore della zona. Morì all’età di cinquantatre anni, proclamato santo nel 1690. Patrono delle comunità eucaristiche insieme a san Pietro martire ed ai santi Quattro Coronati.
A Napoli sono state dedicate al santo una chiesa ed una piazza ove essa sorge; sulla chiesa una lapide ricorda “edificata da Carlo III° in rendimento di grazie per aver ottenuto prole maschile”.
Il culto per san Pasquale Baylon fu introdotto a Furore/SA durante la dominazione spagnola dalla famiglia Summonte. Due feste patronali: una il 17 maggio e l’altra l’ultima domenica di agosto. Un busto raffigurante san Pasquale è nella chiesa di san Giacomo. San Pasquale è protettore delle donne, dei cuochi, dei pasticcieri, ritenuto l’inventore dello zabaione.

Auguri di felice onomastico al rev. don Pasquale Gentile, agerolino, parroco di Minori-a Pasquale Ruocco psicologo al don Orione di Napoli–Pasquale Daponte, ing. prof. all’università di Benevento – Pasquale Bottone, imprenditore minorese- Pasquale Amato, barbiere della piazza in pensione- Pasquale Stanzione ex assessore all’istruzione della Provincia di Salerno- Pasqualino Civale, consigliere comunale di Ravello– Pasquale Senatore cavese ex del GAL–Pasquale Palumbo assessore a Ravello–Pasquale Scannapieco consigliere comunale a Maiori-Pasquale Bosco consigliere comunale a Cetara–Pasquale Petrillo capo ufficio stampa alla Provincia di Salerno– Pasquale “cioccolata” della Minori 2000….g.a.”San Pasquale Bailonne/protettore delle donne/mannateme nu marito/rubicondo e sapurito/come a vvuie tale e quale/gloriosissimo san Pasquale” Questa strofetta, in uso particolarmente nell’Italia meridionale, sta a significare l’adorazione delle donne, particolarmente quelle da marito, per il santo.
Nato il 17 maggio del 1592 in Aragona. Cons’derato il teologo dell’Eucarestia, nonostante abbastanza illetterato, per le profonde dispute che sostenne con i calvinisti francesi, come per gli scritti che ci ha lasciati. Papa Leone XIII° lo proclamò patrono delle opere eucaristiche e dei congressi eucaristici internazionali. Era stato avviato dai suoi genitori, molto poveri, al pascolo delle greggi. Gli fu rifiutato l’ingresso al convento di santa Maria di Loreto, mentre egli rifiutava una eredità offertagli da un allevatore della zona. Morì all’età di cinquantatre anni, proclamato santo nel 1690. Patrono delle comunità eucaristiche insieme a san Pietro martire ed ai santi Quattro Coronati.
A Napoli sono state dedicate al santo una chiesa ed una piazza ove essa sorge; sulla chiesa una lapide ricorda “edificata da Carlo III° in rendimento di grazie per aver ottenuto prole maschile”.
Il culto per san Pasquale Baylon fu introdotto a Furore/SA durante la dominazione spagnola dalla famiglia Summonte. Due feste patronali: una il 17 maggio e l’altra l’ultima domenica di agosto. Un busto raffigurante san Pasquale è nella chiesa di san Giacomo. San Pasquale è protettore delle donne, dei cuochi, dei pasticcieri, ritenuto l’inventore dello zabaione.

Auguri di felice onomastico al rev. don Pasquale Gentile, agerolino, parroco di Minori-a Pasquale Ruocco psicologo al don Orione di Napoli–Pasquale Daponte, ing. prof. all’università di Benevento – Pasquale Bottone, imprenditore minorese- Pasquale Amato, barbiere della piazza in pensione- Pasquale Stanzione ex assessore all’istruzione della Provincia di Salerno- Pasqualino Civale, consigliere comunale di Ravello– Pasquale Senatore cavese ex del GAL–Pasquale Palumbo assessore a Ravello–Pasquale Scannapieco consigliere comunale a Maiori-Pasquale Bosco consigliere comunale a Cetara–Pasquale Petrillo capo ufficio stampa alla Provincia di Salerno– Pasquale “cioccolata” della Minori 2000….g.a.