Sorrento. Coltellate fuori la pizzeria, condannati tre ragazzi

0

Rissa e tentato omicidio. I fatti avvennero nella notte del 2 dicembre 2012 sul Corso Italia a pochi metri dalla nota Pizzeria da Franco. Dopo due anni e mezzo arrivano le condanne per Niccolò Stragazzi (26 anni) 3 anni e 2 mesi, per  Sigismondo Stragazzi (24 anni) 4 anni e 8 mesi, mentre per l’amico Alfonso Maria Villa (25 anni) 3 anni e 2 mesi. La sentenza di primo grado è stata emessa dal GUP di Torre Annunziata Elena Conte con Rito Abbreviato mercoledì 7 maggio. I tre erano accusati di tentato omicidio, rissa e porto abusivo d’armi. Nella casa dei due fratelli gli investigatori avevano trovato anche tre coltelli a serramanico, uno dei quali con evidenti tracce di sangue. Le due vittime del raid – Eduardo Ponticorvo, 33enne originario di Meta, e Giuseppe Esposito 28enne di Piano di Sorrento – furono entrambi accoltellati all’addome e al torace e ricoverati d’urgenza all’ospedale «Cardarelli» di Napoli mentre F.S.R., 27enne di Sorrento, fu ricoverato all’ospedale «Santa Maria della Misericordia» di Sorrento per una frattura alla mano. Per i primi due costituitisi parte civile 40mila euro di risarcimento danni per Esposito e 35mila per Ponticorvo.

Rissa e tentato omicidio. I fatti avvennero nella notte del 2 dicembre 2012 sul Corso Italia a pochi metri dalla nota Pizzeria da Franco. Dopo due anni e mezzo arrivano le condanne per Niccolò Stragazzi (26 anni) 3 anni e 2 mesi, per  Sigismondo Stragazzi (24 anni) 4 anni e 8 mesi, mentre per l’amico Alfonso Maria Villa (25 anni) 3 anni e 2 mesi. La sentenza di primo grado è stata emessa dal GUP di Torre Annunziata Elena Conte con Rito Abbreviato mercoledì 7 maggio. I tre erano accusati di tentato omicidio, rissa e porto abusivo d’armi. Nella casa dei due fratelli gli investigatori avevano trovato anche tre coltelli a serramanico, uno dei quali con evidenti tracce di sangue. Le due vittime del raid – Eduardo Ponticorvo, 33enne originario di Meta, e Giuseppe Esposito 28enne di Piano di Sorrento – furono entrambi accoltellati all’addome e al torace e ricoverati d’urgenza all’ospedale «Cardarelli» di Napoli mentre F.S.R., 27enne di Sorrento, fu ricoverato all’ospedale «Santa Maria della Misericordia» di Sorrento per una frattura alla mano. Per i primi due costituitisi parte civile 40mila euro di risarcimento danni per Esposito e 35mila per Ponticorvo.