Positano. Due ore e mezza per andare a lavorare a causa della protesta degli autisti SITA

0

Gentile direttore di Positanonews sono d’accordo con i lavoratori della SITA, il servizio pubblico che collega la Costiera amalfitana con la Penisola sorrentina, ma ad averlo saputo prima avremmo evitato molti disagi ad altri lavoratori. Oggi sono stato fermo quasi due ore a Piano di Sorrento ai Colli, perchè gli autisti non facevano passare che poche macchine alla volta. Ho visto pure che chi protestava veniva aggredito, come un tassista che doveva andare ad Amalfi che ha protestato provocando una reazione piuttosto nervosa a dir poco. E’ giusto protestare, ma non è giusto mettere in difficoltà altri lavoratori o prendersela con chi sta lavorando. Dovrebbero prendersela con la Regione Campania in primis che già dall’epoca di Bassolino – Cascetta ha fatto sì che il trasporto pubblico andasse allo sfascio per favorire privati e altro. La SITA poi dovrebbe saper gestire meglio la situazione e farci capire perchè fa questi improvvisi colpi di testa. Una lettera del genere avrebbe fatto infuriare chiunque, è un vero e proprio attentato alla quiete pubblica. Qualcuno dovrebbe prendere provvedimenti

Gentile direttore di Positanonews sono d'accordo con i lavoratori della SITA, il servizio pubblico che collega la Costiera amalfitana con la Penisola sorrentina, ma ad averlo saputo prima avremmo evitato molti disagi ad altri lavoratori. Oggi sono stato fermo quasi due ore a Piano di Sorrento ai Colli, perchè gli autisti non facevano passare che poche macchine alla volta. Ho visto pure che chi protestava veniva aggredito, come un tassista che doveva andare ad Amalfi che ha protestato provocando una reazione piuttosto nervosa a dir poco. E' giusto protestare, ma non è giusto mettere in difficoltà altri lavoratori o prendersela con chi sta lavorando. Dovrebbero prendersela con la Regione Campania in primis che già dall'epoca di Bassolino – Cascetta ha fatto sì che il trasporto pubblico andasse allo sfascio per favorire privati e altro. La SITA poi dovrebbe saper gestire meglio la situazione e farci capire perchè fa questi improvvisi colpi di testa. Una lettera del genere avrebbe fatto infuriare chiunque, è un vero e proprio attentato alla quiete pubblica. Qualcuno dovrebbe prendere provvedimenti

Lascia una risposta