sorpassi, alta velocità e inversioni di marcia ecco i «killer» della 268

0

ottaviano. Sono stabili le condizioni dei feriti nell’incidente di venerdì pomeriggio sulla strada statale 268, tra San Giuseppe Vesuviano e Ottaviano. due – un 38enne di San Giuseppe Vesuviano e un 43enne di Boscoreale – sono ancora ricoverati nell’ospedale Santa Maria la Pietà di Nola ma non sono in pericolo di vita: hanno riportato lesioni che guariranno nei prossimi giorni. Si attende, invece, l’autopsia sul corpo di Clemente De Micco, il 59enne originario di Volla e titolare di un negozio a Somma Vesuviana morto in seguito all’impatto che ha coinvolto una Panda (guidata proprio da De Micco) e due furgoni. E mentre i cittadini dell’area vesuviana si interrogano sull’ennesima tragedia avvenuta lungo la strada statale (quest’anno già cinque vittime), il dirigente della polizia stradale di Napoli, Maurizio Casamassima conferma l’arrivo di sorpassometri e autovelox fissi entro metà mese: «Fino a quando non saranno risolti i problemi strutturali della strada intensificheremo i controlli sul comportamento degli automobilisti». «Èevidente – spiega – che spesso ci troviamo di fronte a manovre azzardate o a condotte non rispettose delle regole da parte di chi frequenta la statale 268. Per questo la polizia stradale avvierà una task force con il compito specifico di individuare e punire proprio questi atteggiamenti. Presto, poi, arriveranno dei dispositivi elettronici che ci aiuteranno in questo lavoro: ci siamo dati come scadenza la metà di maggio». La 268 ha solo due corsie, una per ogni senso di marcia, svincoli stretti, rampe di immissione pericolose e pochissime piazzole di sosta, ma a queste circostanze si aggiunge una tendenza a commettere infrazioni che favorisce ancora di più gli incidenti. «Nel corso degli anni – aggiunge Casamassima – abbiamo elevato centinaia di contravvenzioni con ammende per centinaia di migliaia di euro. Ma evidentemente tutto ciò non è bastato. Fino a quando i lavori di ampliamento non saranno effettuati noi aumenteremo ancora di più i controlli».il mattino

ottaviano. Sono stabili le condizioni dei feriti nell’incidente di venerdì pomeriggio sulla strada statale 268, tra San Giuseppe Vesuviano e Ottaviano. due – un 38enne di San Giuseppe Vesuviano e un 43enne di Boscoreale – sono ancora ricoverati nell’ospedale Santa Maria la Pietà di Nola ma non sono in pericolo di vita: hanno riportato lesioni che guariranno nei prossimi giorni. Si attende, invece, l’autopsia sul corpo di Clemente De Micco, il 59enne originario di Volla e titolare di un negozio a Somma Vesuviana morto in seguito all’impatto che ha coinvolto una Panda (guidata proprio da De Micco) e due furgoni. E mentre i cittadini dell’area vesuviana si interrogano sull’ennesima tragedia avvenuta lungo la strada statale (quest’anno già cinque vittime), il dirigente della polizia stradale di Napoli, Maurizio Casamassima conferma l’arrivo di sorpassometri e autovelox fissi entro metà mese: «Fino a quando non saranno risolti i problemi strutturali della strada intensificheremo i controlli sul comportamento degli automobilisti». «Èevidente – spiega – che spesso ci troviamo di fronte a manovre azzardate o a condotte non rispettose delle regole da parte di chi frequenta la statale 268. Per questo la polizia stradale avvierà una task force con il compito specifico di individuare e punire proprio questi atteggiamenti. Presto, poi, arriveranno dei dispositivi elettronici che ci aiuteranno in questo lavoro: ci siamo dati come scadenza la metà di maggio». La 268 ha solo due corsie, una per ogni senso di marcia, svincoli stretti, rampe di immissione pericolose e pochissime piazzole di sosta, ma a queste circostanze si aggiunge una tendenza a commettere infrazioni che favorisce ancora di più gli incidenti. «Nel corso degli anni – aggiunge Casamassima – abbiamo elevato centinaia di contravvenzioni con ammende per centinaia di migliaia di euro. Ma evidentemente tutto ciò non è bastato. Fino a quando i lavori di ampliamento non saranno effettuati noi aumenteremo ancora di più i controlli».il mattino

Lascia una risposta