Arrestato l’ultrà della Roma che ha sparato ai tifosi del Napoli. L’accusa è di tentato omicidio

0

Arrestato con l’accusa di tentato omicidio. E’ Daniele De Santis, 48 anni, l’ultrà della Roma che avrebbe fatto fuoco contro i tifosi del Napoli, ferendone 3 a colpi di pistola calibro 7.65 prima della finale di Coppa Italia, Fiorentina-Roma, poi giocata allo stadio Olimpico. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, sarebbe uno dei capi ultrà che nel 2004 fermarono il derby capitolino. Gli agenti della polizia sarebbero arrivati a lui – ma si attendono conferme ufficiali – attraverso testimonianze. Testimonianze utili non solo a risalire all’uomo ma anche a ricostruire, attimo per attimo, la vicenda di cronaca nera. E allora, mettendo assieme i tasselli, è emerso che il sostenitore giallorosso avrebbe provocato i supporters azzurri che erano diretti verso l’impianto lanciando contro di loro fumogeni. E’ stato allora che la situazione è precipitata:  vi ammazzo tutti, avrebbe gridato mentre faceva fuoco.

Il tifoso del Napoli in gravissime condizioni. Ciro Esposito, 27 anni, è il sostenitore azzurro raggiunto da un proiettile alla colonna vertebrale. Ricoverato in codice rosso all’ospedale Villa San Pietro, è stato operato d’urgenza, stabilizzato e poi trasferito al policlinico Gemelli. Gli altri due tifosi napoletani feriti sono Alfredo Esposito (43 anni), colpito alla mano destra, Gennaro Fioretti (32 anni), colpito ad un braccio e a una mano.

le indagini della polizia proseguono. Ulteriori risvolti sono attesi nelle prossime ore, quando gli inquirenti avranno più chiara la posizione di altre persone coinvolte negli incidenti. Con l’accusa di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale è stato arrestato anche un tifoso del Napoli (sanzionato con un Daspo di 5 anni).

La partita cominciata in ritardo. “La partita, che si è svolta regolarmente, è iniziata con ritardo in quanto ai supporter napoletani sono state fornite notizie circa lo stato di salute dei feriti”. E’ la spiegazione fornita dalla Questura sul fischio d’inizio della finale di Coppa Italia, Fiorentina-Napoli, posticipato di 45?.fampace

 

Arrestato con l’accusa di tentato omicidio. E’ Daniele De Santis, 48 anni, l’ultrà della Roma che avrebbe fatto fuoco contro i tifosi del Napoli, ferendone 3 a colpi di pistola calibro 7.65 prima della finale di Coppa Italia, Fiorentina-Roma, poi giocata allo stadio Olimpico. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, sarebbe uno dei capi ultrà che nel 2004 fermarono il derby capitolino. Gli agenti della polizia sarebbero arrivati a lui – ma si attendono conferme ufficiali – attraverso testimonianze. Testimonianze utili non solo a risalire all’uomo ma anche a ricostruire, attimo per attimo, la vicenda di cronaca nera. E allora, mettendo assieme i tasselli, è emerso che il sostenitore giallorosso avrebbe provocato i supporters azzurri che erano diretti verso l’impianto lanciando contro di loro fumogeni. E’ stato allora che la situazione è precipitata:  vi ammazzo tutti, avrebbe gridato mentre faceva fuoco.

Il tifoso del Napoli in gravissime condizioni. Ciro Esposito, 27 anni, è il sostenitore azzurro raggiunto da un proiettile alla colonna vertebrale. Ricoverato in codice rosso all’ospedale Villa San Pietro, è stato operato d’urgenza, stabilizzato e poi trasferito al policlinico Gemelli. Gli altri due tifosi napoletani feriti sono Alfredo Esposito (43 anni), colpito alla mano destra, Gennaro Fioretti (32 anni), colpito ad un braccio e a una mano.

le indagini della polizia proseguono. Ulteriori risvolti sono attesi nelle prossime ore, quando gli inquirenti avranno più chiara la posizione di altre persone coinvolte negli incidenti. Con l’accusa di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale è stato arrestato anche un tifoso del Napoli (sanzionato con un Daspo di 5 anni).

La partita cominciata in ritardo. “La partita, che si è svolta regolarmente, è iniziata con ritardo in quanto ai supporter napoletani sono state fornite notizie circa lo stato di salute dei feriti”. E’ la spiegazione fornita dalla Questura sul fischio d’inizio della finale di Coppa Italia, Fiorentina-Napoli, posticipato di 45′.fampace