Maiori, garage multipiano in via Capitolo bocciato dal Tar

0

Maiori, Costiera amalfitana Bloccata dal Tar la realizzazione di un garage multipiano in via Capitolo. Su ricorso del Condominio Lupi e di Pierfancesco Lupi, comproprietario di un’area limitrofa, il collegio giudicante ha sospeso l’esecuzione dell’autorizzazione paesaggistica e del permesso di costruire. Riuniti i due ricorsi, il Tribunale ha ritenuto che le questioni agitate, per la loro delicatezza, impongano la sollecita trattazione nel merito ed, al riguardo, ha già fissato l’udienza pubblica del prossimo 10 luglio. Tuttavia, al fine di assicurare che la decisione di merito intervenga «re adhuc integra» (lasciando inalterata la situazione), il Tar ha ritenuto necessaria la sospensione degli effetti dei provvedimenti impugnati, nella parte in cui legittimano lo svolgimento dell’attività di trasformazione oggetto di contestazione. D’altra parte – scrivono i giudici – la predetta sospensiva non produce significativi effetti pregiudizievoli. La parte controinteressata, infatti, ha evidenziato la sussistenza, allo stato, di circostanze ostative all’esecuzione dei lavori ed ha esibito al Tribunale la comunicazione di sospensione dei lavori, redatta appena qualche giorno prima dell’udienza. Sotto accusa erano finiti davanti al Tar l’autorizzazione paesaggistica, rilasciata il 28 agosto del 2012, ed il permesso di costruire rilasciato ad Antonio Ferrara il 17 dicembre del 2013, pubblicato all’albo pretorio on line (pare) per un solo giorno il 7 febbraio 2014, alla vigilia dell’inizio dei lavori.Il Condominio Lupi, difeso dall’avvocato Luigi Vuolo, aveva denunziato al Tar l’opera di notevolissimo impatto» in quanto comporterebbe lo sbancamento dell’intera parete del versante montuoso con cui confina il fabbricato. Nella domanda cautelare, inoltre, aveva evidenziato l’alterazione dell’assetto urbanistico, paesaggistico, idrogeologico ed ambientale della zona, considerata la particolare entità dell’intervento ed i vincoli su di essa gravanti nell’ambito di un territorio patrimonio mondiale dell’Unesco.

Maiori, Costiera amalfitana Bloccata dal Tar la realizzazione di un garage multipiano in via Capitolo. Su ricorso del Condominio Lupi e di Pierfancesco Lupi, comproprietario di un’area limitrofa, il collegio giudicante ha sospeso l’esecuzione dell’autorizzazione paesaggistica e del permesso di costruire. Riuniti i due ricorsi, il Tribunale ha ritenuto che le questioni agitate, per la loro delicatezza, impongano la sollecita trattazione nel merito ed, al riguardo, ha già fissato l’udienza pubblica del prossimo 10 luglio. Tuttavia, al fine di assicurare che la decisione di merito intervenga «re adhuc integra» (lasciando inalterata la situazione), il Tar ha ritenuto necessaria la sospensione degli effetti dei provvedimenti impugnati, nella parte in cui legittimano lo svolgimento dell’attività di trasformazione oggetto di contestazione. D’altra parte – scrivono i giudici – la predetta sospensiva non produce significativi effetti pregiudizievoli. La parte controinteressata, infatti, ha evidenziato la sussistenza, allo stato, di circostanze ostative all’esecuzione dei lavori ed ha esibito al Tribunale la comunicazione di sospensione dei lavori, redatta appena qualche giorno prima dell’udienza. Sotto accusa erano finiti davanti al Tar l’autorizzazione paesaggistica, rilasciata il 28 agosto del 2012, ed il permesso di costruire rilasciato ad Antonio Ferrara il 17 dicembre del 2013, pubblicato all’albo pretorio on line (pare) per un solo giorno il 7 febbraio 2014, alla vigilia dell’inizio dei lavori.Il Condominio Lupi, difeso dall’avvocato Luigi Vuolo, aveva denunziato al Tar l’opera di notevolissimo impatto» in quanto comporterebbe lo sbancamento dell’intera parete del versante montuoso con cui confina il fabbricato. Nella domanda cautelare, inoltre, aveva evidenziato l’alterazione dell’assetto urbanistico, paesaggistico, idrogeologico ed ambientale della zona, considerata la particolare entità dell’intervento ed i vincoli su di essa gravanti nell’ambito di un territorio patrimonio mondiale dell’Unesco.