Piano di Sorrento il fallimento di Papa Francesco , nessuno al film – evento e al Delle Rose annullano proiezione

0

Piano di Sorrento il fallimento di Papa Francesco , nessuno al film – evento e al Delle Rose annullano proiezione .Un film che si intitola “Francesco da Buenos Aires – La Rivoluzione dell’uguaglianza” e solo in Italia per tre giorni viene proiettato in trecento sale, roba da blockbuster. E in contemporanea va in tutto il mondo. E si apre alla Verna, un’intervista al padre guardiano Fra’ Massimo Grassi, che racconta cosa abbia scatenato nel convento la scelta di quel Papa e la scelta di quel nome. Sullo sfondo le immagini del santuario, e nel finale ancora lui: un valore spirituale, certo, ma anche un lancio senza precedenti per uno dei luoghi già di culto del territorio aretino, meta di centinaia di migliaia di persone ogni anno. E che rafforza il legame tra Francesco e i frati. Frati dai quali entro giugno partirà l’invito ufficiale al Papa per la visita alla Verna: inviti già rivolti informalmente, prima dal Vescovo Fontana e poi dagli stessi frati della Verna, e che ora avranno anche un passaggio formale. Ma o l’evento non è stato comunicato bene a livello nazionale, o a livello locale, in penisola sorrentina e in costiera amalfitana non si sapeva se non impattavi in qualche manifesto , oramai superata forma di comunicazione visto che tutti usano il web anche sui telefonini, o di fronte al cinema. Insomma poche persone, addirittura nessuna, salvo due che poi hanno rinunciato di fronte alle esigenze del cinema , non pretendendo di voler costringere per forza a proiettare il film, e l’ultima proiezione delle 22,30 è stata annullata. Insomma un flop, ma chissà se qualcuno ne parla, Papa Francesco è molto amato, anche da noi, e dopo il grande show della santificazione di due papi la Chiesa punta tutto su di lui per risollevarsi, ma c’è ancora qualcosa che non va…

Piano di Sorrento il fallimento di Papa Francesco , nessuno al film – evento e al Delle Rose annullano proiezione .Un film che si intitola "Francesco da Buenos Aires – La Rivoluzione dell'uguaglianza" e solo in Italia per tre giorni viene proiettato in trecento sale, roba da blockbuster. E in contemporanea va in tutto il mondo. E si apre alla Verna, un'intervista al padre guardiano Fra' Massimo Grassi, che racconta cosa abbia scatenato nel convento la scelta di quel Papa e la scelta di quel nome. Sullo sfondo le immagini del santuario, e nel finale ancora lui: un valore spirituale, certo, ma anche un lancio senza precedenti per uno dei luoghi già di culto del territorio aretino, meta di centinaia di migliaia di persone ogni anno. E che rafforza il legame tra Francesco e i frati. Frati dai quali entro giugno partirà l'invito ufficiale al Papa per la visita alla Verna: inviti già rivolti informalmente, prima dal Vescovo Fontana e poi dagli stessi frati della Verna, e che ora avranno anche un passaggio formale. Ma o l'evento non è stato comunicato bene a livello nazionale, o a livello locale, in penisola sorrentina e in costiera amalfitana non si sapeva se non impattavi in qualche manifesto , oramai superata forma di comunicazione visto che tutti usano il web anche sui telefonini, o di fronte al cinema. Insomma poche persone, addirittura nessuna, salvo due che poi hanno rinunciato di fronte alle esigenze del cinema , non pretendendo di voler costringere per forza a proiettare il film, e l'ultima proiezione delle 22,30 è stata annullata. Insomma un flop, ma chissà se qualcuno ne parla, Papa Francesco è molto amato, anche da noi, e dopo il grande show della santificazione di due papi la Chiesa punta tutto su di lui per risollevarsi, ma c'è ancora qualcosa che non va…