Calcio in lutto è morto Boskov ha allenato Napoli, Roma e Sampdoria

0

Si è spento oggi all’età di 82 anni Vujadin Boskov, ex allenatore della Sampdoria. Lo rende noto la stampa serba. Boskov nella sua carriera in Italia aveva guidato anche Ascoli, Napoli e Roma. I funerali si svolgeranno martedì prossimo a Begec, sua citta natale, a 15 chilometri da Novi Sad. A parte i (molti) trionfi in panchina, la popolarità di Boskov è stata alimentata anche dalla sua innata verve da istrione, in panchina e davanti ai microfoni. Alcune sue frasi, elette a “tormentoni” (bravissima in questo la Gialappa’s Band), sono rimaste nei cuori degli appassionati del calcio italiano.UNA VITA NEL CALCIO — Prima di sedersi in panchina, Boskov è stato un calciatore di tutto rispetto. Conquista l’argento olimpico a Helsinki ‘52 con la Jugoslavia. nel 1961-62 l’arrivo in Italia, alla Sampdoria, con cui gioca una sola stagione, prima di migrare in Svizzera, allo Young Boys. Proprio a Berna inizia la sua carriera da allenatore. Il primo successo è però in Olanda, con il Den Haag, con cui conquista la coppa nazionale nel 1975. La sua vita da zingaro del calcio lo porta addirittura al Real Madrid, condotto al successo nella Liga 1979-80 e in due Coppe del Re. Con i blancos anche una finale di Coppa Campioni, persa col Liverpool 1-0 a Parigi.Poi il ritorno in Italia, stavolta in panchina. Prima all’Ascoli, con cui viene promosso in Serie A. Poi alla Sampdoria, dove vince uno scudetto (1990-91), due Coppe Italia, una Supercoppa italiana e una Coppa delle Coppe (1989-90). Sulla panchina doriana arriva anche alla finale di Coppa dei Campioni nel 1992, perdendo ai supplementari col Barcellona. In Italia allena anche Roma, Napoli e Perugia. Mentre per ben due volte diventa c.t. della sua nazionale, con cui finisce la carriera nel 1992 dopo l’Europeo. Gasport

Si è spento oggi all’età di 82 anni Vujadin Boskov, ex allenatore della Sampdoria. Lo rende noto la stampa serba. Boskov nella sua carriera in Italia aveva guidato anche Ascoli, Napoli e Roma. I funerali si svolgeranno martedì prossimo a Begec, sua citta natale, a 15 chilometri da Novi Sad. A parte i (molti) trionfi in panchina, la popolarità di Boskov è stata alimentata anche dalla sua innata verve da istrione, in panchina e davanti ai microfoni. Alcune sue frasi, elette a "tormentoni" (bravissima in questo la Gialappa's Band), sono rimaste nei cuori degli appassionati del calcio italiano.UNA VITA NEL CALCIO — Prima di sedersi in panchina, Boskov è stato un calciatore di tutto rispetto. Conquista l’argento olimpico a Helsinki ‘52 con la Jugoslavia. nel 1961-62 l’arrivo in Italia, alla Sampdoria, con cui gioca una sola stagione, prima di migrare in Svizzera, allo Young Boys. Proprio a Berna inizia la sua carriera da allenatore. Il primo successo è però in Olanda, con il Den Haag, con cui conquista la coppa nazionale nel 1975. La sua vita da zingaro del calcio lo porta addirittura al Real Madrid, condotto al successo nella Liga 1979-80 e in due Coppe del Re. Con i blancos anche una finale di Coppa Campioni, persa col Liverpool 1-0 a Parigi.Poi il ritorno in Italia, stavolta in panchina. Prima all’Ascoli, con cui viene promosso in Serie A. Poi alla Sampdoria, dove vince uno scudetto (1990-91), due Coppe Italia, una Supercoppa italiana e una Coppa delle Coppe (1989-90). Sulla panchina doriana arriva anche alla finale di Coppa dei Campioni nel 1992, perdendo ai supplementari col Barcellona. In Italia allena anche Roma, Napoli e Perugia. Mentre per ben due volte diventa c.t. della sua nazionale, con cui finisce la carriera nel 1992 dopo l’Europeo. Gasport