LA SALERNITANA SI PREPARA ALLA SFIDA COL PERUGIA

0

Terminate le brevi vacanze pasquali, la Salernitana si rituffa nel lavoro di tutti i giorni. Nel mirino ci sono le ultime due gare di campionato alle quali i granata chiedono il certificato di iscrizione ai playoff. Mancano tre punti per l’aritmetica ma un simile bottino collocherebbe la Salernitana all’ultimo posto della griglia riservandole, dunque, la sfida con la seconda in classifica nel match unico dei quarti di finale. Staccata di un solo punto da Pisa e Pontedera, quest’ultima domenica riposerà, la squadra granata deve aspirare a fare bottino pieno per provare a centrare quel settimo posto che le permetterebbe di evitare al primo turno sia la seconda sia la terza in classifica. La gara di domenica sarà fondamentale per il piazzamento finale dei granata mentre non sarà decisiva per la lotta promozione. Il Perugia, anche in caso di sconfitta all’Arechi, potrebbe conquistare comunque il primo posto battendo nello scontro diretto in programma al Curi all’ultima giornata il Frosinone. Non solo. Anche in caso di vittoria all’Arechi, il Perugia non chiuderebbe il discorso nel caso di vittoria del Frosinone contro l’Aquila. In questo caso, infatti, i punti di distacco tra umbri e ciociari resterebbero tre e nello scontro diretto del Curi la squadra di Camplone dovrebbe evitare la sconfitta che significherebbe aggancio, ed in virtù dello scontro diretto a quel punto favorevole, sorpasso da parte del Frosinone. La gara dell’Arechi, dunque, vedrà affrontarsi due squadre che hanno interessi di classifica e motivazioni forti. Contro la capolista la Salernitana di Gregucci punterà a confermare il trend positivo che ha caratterizzato il suo cammino negli scontri diretti da quando è arrivato l’ex trainer del Vicenza. Con Gregucci la Salernitana ha pareggiato a L’Aquila e Frosinone, mentre in casa ha superato Pisa e Benevento impattando col Catanzaro. La gara col Perugia è di quelle che si preparano da sole dal punto di vista psicologico. Il resto lo farà l’atmosfera da grande appuntamento che si respirerà all’Arechi. A 180′ dal termine della regular season la Salernitana deve dimostrare di essere pronta per i playoff. Dopo la figuraccia di Prato e gli affanni di Coppa col Monza, i granata devono cancellare le ombre ed i dubbi e dimostrare di essere grandi fra le grandi.
fonte:tvoggisalerno
articolo inserito dal”Salernitana club Costiera Amalfitana”Terminate le brevi vacanze pasquali, la Salernitana si rituffa nel lavoro di tutti i giorni. Nel mirino ci sono le ultime due gare di campionato alle quali i granata chiedono il certificato di iscrizione ai playoff. Mancano tre punti per l’aritmetica ma un simile bottino collocherebbe la Salernitana all’ultimo posto della griglia riservandole, dunque, la sfida con la seconda in classifica nel match unico dei quarti di finale. Staccata di un solo punto da Pisa e Pontedera, quest’ultima domenica riposerà, la squadra granata deve aspirare a fare bottino pieno per provare a centrare quel settimo posto che le permetterebbe di evitare al primo turno sia la seconda sia la terza in classifica. La gara di domenica sarà fondamentale per il piazzamento finale dei granata mentre non sarà decisiva per la lotta promozione. Il Perugia, anche in caso di sconfitta all’Arechi, potrebbe conquistare comunque il primo posto battendo nello scontro diretto in programma al Curi all’ultima giornata il Frosinone. Non solo. Anche in caso di vittoria all’Arechi, il Perugia non chiuderebbe il discorso nel caso di vittoria del Frosinone contro l’Aquila. In questo caso, infatti, i punti di distacco tra umbri e ciociari resterebbero tre e nello scontro diretto del Curi la squadra di Camplone dovrebbe evitare la sconfitta che significherebbe aggancio, ed in virtù dello scontro diretto a quel punto favorevole, sorpasso da parte del Frosinone. La gara dell’Arechi, dunque, vedrà affrontarsi due squadre che hanno interessi di classifica e motivazioni forti. Contro la capolista la Salernitana di Gregucci punterà a confermare il trend positivo che ha caratterizzato il suo cammino negli scontri diretti da quando è arrivato l’ex trainer del Vicenza. Con Gregucci la Salernitana ha pareggiato a L’Aquila e Frosinone, mentre in casa ha superato Pisa e Benevento impattando col Catanzaro. La gara col Perugia è di quelle che si preparano da sole dal punto di vista psicologico. Il resto lo farà l’atmosfera da grande appuntamento che si respirerà all’Arechi. A 180′ dal termine della regular season la Salernitana deve dimostrare di essere pronta per i playoff. Dopo la figuraccia di Prato e gli affanni di Coppa col Monza, i granata devono cancellare le ombre ed i dubbi e dimostrare di essere grandi fra le grandi.
fonte:tvoggisalerno
articolo inserito dal”Salernitana club Costiera Amalfitana”