SORRENTO AUTOBOTTE DEL GAS INVESTE L’ AUTISTA, E’ GRAVE

0

Poteva essere una tragedia questa mattina sabato 19 vigilia di Pasqua al Capo di Sorrento. Un’autobotte che trasportava gas, dopo esser stata parcheggiata senza mettere bene i freni, ha investito a retromarcia l’autista. 

Il giorno dopo su Il Mattino di Napoli, quotidiano della Campania , degli aggiornamenti, a firma di Massimiliano d’ Esposito Tragedia sfiorata, ieri mattina, nella zona della frazione del Capo di Sorrento. Mancavano pochi minuti alle 9 quando un’autobotte per il trasporto del gas era impegnata nelle operazioni di scarico del gpl presso un albergo che sorge lungo via Pantano. All’improvviso i freni dell’automezzo hanno ceduto ed il veicolo ha iniziato ad indietreggiare lungo la ripida discesa. Fortunatamente l’autotrasportatore prima di scendere dalla cabina aveva provveduto a girare le ruote in posizione trasversale rispetto al senso di marcia. Ciò ha fatto sì che nel momento in cui si è verificato quello che si ritiene sia stato un guasto dell’impianto frenante, l’autobotte, dopo aver percorso alcuni metri, si sia arrestata contro il muro in tufo che costeggia la strada. Se, invece, avesse proseguito la sua corsa, si sarebbe schiantata contro il parapetto che sormonta via Capo, con il rischio concreto di un’esplosione del pericoloso carico. L’unico ferito è l’autista dell’autobotte, A.P. un 56enne residente a Piano di Sorrento, il quale, nel vano tentativo di bloccarla, è stato investito, rimanendo riverso sull’asfalto. Soccorso da un’ambulanza del 118 è stato trasportato all’ospedale di Sorrento dove i sanitari lo hanno sottoposto ad esami radiografici ed alla Tac. I controlli diagnostici effettuati presso la struttura sanitaria hanno evidenziato la possibile presenza di lesioni interne nella zona toracica. Per questo motivo i medici si sono riservati la prognosi, disponendo il suo immediato trasferimento al Cardarelli di Napoli, struttura meglio attrezzata per dare assistenza per questo tipo di emergenze. Intanto sul luogo dell’incidente sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Piano di Sorrento, che hanno messo in sicurezza l’area accertando che dall’automezzo non fuoriuscisse gpl. Subito dopo lo schianto, infatti, nella zona si avvertiva l’odore acre del gas. Nel frattempo gli agenti della polizia municipale di Sorrento hanno eseguito i rilievi ed avviato le indagini per quello che viene considerato un incidente sul lavoro. Motivo per cui è necessario appurare l’esatta dinamica dell’accaduto prima di inviare il fascicolo alla procura della repubblica di Torre Annunziata. Per il momento è stato disposto il sequestro dell’autobotte. Nei prossimi giorni il veicolo potrebbe essere sottoposto ad una perizia tecnica dell’impianto frenante per verificare le cause del cedimento, anche se non si può escludere l’ipotesi dell’errore umano commesso dall’autista.

Poteva essere una tragedia questa mattina sabato 19 vigilia di Pasqua al Capo di Sorrento. Un'autobotte che trasportava gas, dopo esser stata parcheggiata senza mettere bene i freni, ha investito a retromarcia l'autista. 

Il giorno dopo su Il Mattino di Napoli, quotidiano della Campania , degli aggiornamenti, a firma di Massimiliano d' Esposito Tragedia sfiorata, ieri mattina, nella zona della frazione del Capo di Sorrento. Mancavano pochi minuti alle 9 quando un’autobotte per il trasporto del gas era impegnata nelle operazioni di scarico del gpl presso un albergo che sorge lungo via Pantano. All’improvviso i freni dell’automezzo hanno ceduto ed il veicolo ha iniziato ad indietreggiare lungo la ripida discesa. Fortunatamente l’autotrasportatore prima di scendere dalla cabina aveva provveduto a girare le ruote in posizione trasversale rispetto al senso di marcia. Ciò ha fatto sì che nel momento in cui si è verificato quello che si ritiene sia stato un guasto dell’impianto frenante, l’autobotte, dopo aver percorso alcuni metri, si sia arrestata contro il muro in tufo che costeggia la strada. Se, invece, avesse proseguito la sua corsa, si sarebbe schiantata contro il parapetto che sormonta via Capo, con il rischio concreto di un’esplosione del pericoloso carico. L’unico ferito è l’autista dell’autobotte, A.P. un 56enne residente a Piano di Sorrento, il quale, nel vano tentativo di bloccarla, è stato investito, rimanendo riverso sull’asfalto. Soccorso da un’ambulanza del 118 è stato trasportato all’ospedale di Sorrento dove i sanitari lo hanno sottoposto ad esami radiografici ed alla Tac. I controlli diagnostici effettuati presso la struttura sanitaria hanno evidenziato la possibile presenza di lesioni interne nella zona toracica. Per questo motivo i medici si sono riservati la prognosi, disponendo il suo immediato trasferimento al Cardarelli di Napoli, struttura meglio attrezzata per dare assistenza per questo tipo di emergenze. Intanto sul luogo dell’incidente sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Piano di Sorrento, che hanno messo in sicurezza l’area accertando che dall’automezzo non fuoriuscisse gpl. Subito dopo lo schianto, infatti, nella zona si avvertiva l’odore acre del gas. Nel frattempo gli agenti della polizia municipale di Sorrento hanno eseguito i rilievi ed avviato le indagini per quello che viene considerato un incidente sul lavoro. Motivo per cui è necessario appurare l’esatta dinamica dell’accaduto prima di inviare il fascicolo alla procura della repubblica di Torre Annunziata. Per il momento è stato disposto il sequestro dell’autobotte. Nei prossimi giorni il veicolo potrebbe essere sottoposto ad una perizia tecnica dell’impianto frenante per verificare le cause del cedimento, anche se non si può escludere l’ipotesi dell’errore umano commesso dall’autista.

Lascia una risposta