Per Pasqua e Primo maggio tornano gli ausiliari del traffico in costa d’Amalfi. I Comuni intervengono

0

 Entreranno in azione, a partire da stamane, gli ausiliari alla viabilità, gli addetti che consentono il normale e regolare deflusso della circolazione veicolare in Costiera. Posizionati nei punti più a rischio “ingorghi” della Statale amalfitana, infatti, dalla mattina fino al pomeriggio disciplinano il transito delle autovetture e dei mezzi pesanti. Il via libera è arrivato solo all’ultimo minuto ed è stato attivato proprio in extremis, grazie allo sforzo economico di Ravello (comune capofila), Amalfi, Minori, Maiori e Scala. La copertura finanziaria, infatti, in base agli accordi presi in Prefettura, sarebbe stata garantita dal residuo di cassa, circa 17mila euro, dei fondi stanziati per il medesimo servizio dall’Anas, lo scorso mese di ottobre. Invece, a causa di disguidi tecnico-burocratici, come si dice in “politichese”, gli euro non sono ancora rientrati nella disponibilità dei sindaci, sembra a causa del mancato nulla osta dell’Anas. Questa, almeno, è la versione ufficiale, perché i bene informati sostengono che ad opporsi all’utilizzo dei fondi residui sia stata la Provincia, che avrebbe messo i bastoni tra le ruote al progetto, per il quale sono stati stanziati altri 50mila euro, sempre dall’Anas, per i prossimi mesi. Insomma, una nuova “querelle” che ha rischiato di far saltare l’operatività degli “angeli della strada” (come vengono chiamati gli ausiliari dai residenti e dai turisti), che grazie al loro lavoro fanno sì che i serpentoni di lamiera non caratterizzino, nei periodi di grossa affluenza, il paesaggio della principale arteria della Divina. Resta comunque il dato di fatto che, in questi giorni, resterà non “vigilato” il tratto di Amalfitana che attraversa Cetara, uno dei più stretti ed ostici. Nel frattempo, però, oltre alle solite polemiche, anche se piuttosto “soft”, il ponte di Pasqua ha portato in dono alla Costa d’Amalfi, sempre in tema viabilità, una bella sorpresa: l’eliminazione del semaforo posizionato nel territorio comunale di Vietri sul Mare. Terminati i lavori di consolidamento del costone roccioso, infatti, è stato tolto l’impianto che era diventato una delle principali cause delle code chilometriche sulla Statale 163. E, sempre in tema di semafori, anche quello collocato a Cetara è stato ridimensionato, e il tratto sottoposto a senso unico alternato è stato ridotto notevolmente. Gaetano de Stefano

 Entreranno in azione, a partire da stamane, gli ausiliari alla viabilità, gli addetti che consentono il normale e regolare deflusso della circolazione veicolare in Costiera. Posizionati nei punti più a rischio “ingorghi” della Statale amalfitana, infatti, dalla mattina fino al pomeriggio disciplinano il transito delle autovetture e dei mezzi pesanti. Il via libera è arrivato solo all’ultimo minuto ed è stato attivato proprio in extremis, grazie allo sforzo economico di Ravello (comune capofila), Amalfi, Minori, Maiori e Scala. La copertura finanziaria, infatti, in base agli accordi presi in Prefettura, sarebbe stata garantita dal residuo di cassa, circa 17mila euro, dei fondi stanziati per il medesimo servizio dall’Anas, lo scorso mese di ottobre. Invece, a causa di disguidi tecnico-burocratici, come si dice in “politichese”, gli euro non sono ancora rientrati nella disponibilità dei sindaci, sembra a causa del mancato nulla osta dell’Anas. Questa, almeno, è la versione ufficiale, perché i bene informati sostengono che ad opporsi all’utilizzo dei fondi residui sia stata la Provincia, che avrebbe messo i bastoni tra le ruote al progetto, per il quale sono stati stanziati altri 50mila euro, sempre dall’Anas, per i prossimi mesi. Insomma, una nuova “querelle” che ha rischiato di far saltare l’operatività degli “angeli della strada” (come vengono chiamati gli ausiliari dai residenti e dai turisti), che grazie al loro lavoro fanno sì che i serpentoni di lamiera non caratterizzino, nei periodi di grossa affluenza, il paesaggio della principale arteria della Divina. Resta comunque il dato di fatto che, in questi giorni, resterà non “vigilato” il tratto di Amalfitana che attraversa Cetara, uno dei più stretti ed ostici. Nel frattempo, però, oltre alle solite polemiche, anche se piuttosto “soft”, il ponte di Pasqua ha portato in dono alla Costa d’Amalfi, sempre in tema viabilità, una bella sorpresa: l’eliminazione del semaforo posizionato nel territorio comunale di Vietri sul Mare. Terminati i lavori di consolidamento del costone roccioso, infatti, è stato tolto l’impianto che era diventato una delle principali cause delle code chilometriche sulla Statale 163. E, sempre in tema di semafori, anche quello collocato a Cetara è stato ridimensionato, e il tratto sottoposto a senso unico alternato è stato ridotto notevolmente. Gaetano de Stefano