Modella sfigurata dall’ex, caccia all’uomo. È un milionario russo delle telecomunicazioni

0

Lei gli ha annunciato di volerlo lasciare e lui per reazione l’ha picchiata in modo brutale trasformando il suo splendido viso di modella in una maschera di sangue. Pavel Ushanov, 33enne multimilionario russo delle telecomunicazioni, e Ceo della moscovita Devino Telecom, aveva una relazione con la modella 27enne Alexandra Sereda. Quando la ragazza gli ha annunciato di voler troncare il rapporto, lui l’ha aggredita in modo selvaggio. L’uomo è attualmente ricercato dalla polizia.

Parlando da una stanza d’ospedale la ragazza ha raccontato gli istanti di terrore appena vissuti: «Erano le 7 di mattina quando a un certo punto ho sentito suonare alla porta. Avvicinandomi ho sentito Paval urlare. Sapendo che non se ne sarebbe andato ho deciso di aprirgli. Appena entrato mi ha colpito con un pugno violento in piena faccia. Poi mi ha preso a calci e pugni per una decina di minuti. Mentre mi stava riempendo di colpi gli ho detto che se continuava così mi avrebbe ucciso. E lui mi ha risposto che era esattamente quello che voleva fare».

Dopo l’aggressione l’uomo è fuggito e la ragazza è riuscita a chiamare i soccorsi con il suo cellulare. Il personale paramedico l’ha portata in ospedale per le cure necessarie. «Quell’uomo ha reso il mio volto come la maschera di uno zombie di un film Horror», si è lasciata scappare la ragazza dopo essersi vista allo specchio.ilmattino

Lei gli ha annunciato di volerlo lasciare e lui per reazione l'ha picchiata in modo brutale trasformando il suo splendido viso di modella in una maschera di sangue. Pavel Ushanov, 33enne multimilionario russo delle telecomunicazioni, e Ceo della moscovita Devino Telecom, aveva una relazione con la modella 27enne Alexandra Sereda. Quando la ragazza gli ha annunciato di voler troncare il rapporto, lui l'ha aggredita in modo selvaggio. L'uomo è attualmente ricercato dalla polizia.

Parlando da una stanza d'ospedale la ragazza ha raccontato gli istanti di terrore appena vissuti: «Erano le 7 di mattina quando a un certo punto ho sentito suonare alla porta. Avvicinandomi ho sentito Paval urlare. Sapendo che non se ne sarebbe andato ho deciso di aprirgli. Appena entrato mi ha colpito con un pugno violento in piena faccia. Poi mi ha preso a calci e pugni per una decina di minuti. Mentre mi stava riempendo di colpi gli ho detto che se continuava così mi avrebbe ucciso. E lui mi ha risposto che era esattamente quello che voleva fare».

Dopo l'aggressione l'uomo è fuggito e la ragazza è riuscita a chiamare i soccorsi con il suo cellulare. Il personale paramedico l'ha portata in ospedale per le cure necessarie. «Quell'uomo ha reso il mio volto come la maschera di uno zombie di un film Horror», si è lasciata scappare la ragazza dopo essersi vista allo specchio.ilmattino