Si conclude la personale di Gisela Robert al DAMA Museum

0

Grande risposta di pubblico per “Hallo Fabrizia”, ultimo evento organizzato dalla struttura museale di Capua.

Si chiude al DAMA Musuem di Capua la personale di Gisela Robert “Hallo Fabrizia”, a cura di Antonio Geirola, con la quale l’artista tedesca ha voluto dedicare un omaggio alla memoria della scrittrice e poetessa Fabrizia Ramondino, sua grande amica scomparsa nel 2008. La mostra d’arte è stata visitata da numerosi appassionati e curiosi a partire dal 29 marzo, confermando il grande interesse da parte del pubblico per le iniziative messe in campo dalla struttura museale fondata da Evan De Vilde, eclettico artista padre dell’Archeorealismo. Ed è proprio lui ad esprimere soddisfazione per i risultati raggiunti con quest’ultimo evento, che ha raccolto pareri entusiastici riservati tanto alle opere di Gisela, vere e proprie esplosioni di luci e colori che raccontano come in un diario gli eventi che hanno segnato la vita dell’artista, quanto per l’eccellente prosieguo del progetto DAMA, che continua ad ospitare artisti di fama nazionale e internazionale. Il DAMA Museum di Capua si afferma sempre più, infatti, come un punto di riferimento nel panorama artistico campano: una realtà in crescita capace di attrarre visitatori e amanti dell’arte, grazie al richiamo esercitato da grandi nomi di artisti e alla qualità delle opere esposte. Un trend positivo, quello del DAMA, confermato dall’affluenza di pubblico che nei giorni dell’esposizione ha affollato la sede museale. L’arte di Gisela Robert, che si sostanzia in raffinati e armoniosi cromatismi capaci di evocare sensazioni forti e allo stesso tempo eteree e di lasciare un segno indelebile nella memoria di chi ammira le sue opere, ha saputo colpire e affascinare i visitatori, trasportati in un viaggio attraverso la memoria della pittrice, lungo il filo dei ricordi e delle emozioni. Un grande successo per il DAMA Museum, dunque, che non mancherà di ripetersi con la prossima esposizione di opere dell’artista Eugenio Magno.Grande risposta di pubblico per “Hallo Fabrizia”, ultimo evento organizzato dalla struttura museale di Capua.

Si chiude al DAMA Musuem di Capua la personale di Gisela Robert “Hallo Fabrizia”, a cura di Antonio Geirola, con la quale l’artista tedesca ha voluto dedicare un omaggio alla memoria della scrittrice e poetessa Fabrizia Ramondino, sua grande amica scomparsa nel 2008. La mostra d’arte è stata visitata da numerosi appassionati e curiosi a partire dal 29 marzo, confermando il grande interesse da parte del pubblico per le iniziative messe in campo dalla struttura museale fondata da Evan De Vilde, eclettico artista padre dell’Archeorealismo. Ed è proprio lui ad esprimere soddisfazione per i risultati raggiunti con quest’ultimo evento, che ha raccolto pareri entusiastici riservati tanto alle opere di Gisela, vere e proprie esplosioni di luci e colori che raccontano come in un diario gli eventi che hanno segnato la vita dell’artista, quanto per l’eccellente prosieguo del progetto DAMA, che continua ad ospitare artisti di fama nazionale e internazionale. Il DAMA Museum di Capua si afferma sempre più, infatti, come un punto di riferimento nel panorama artistico campano: una realtà in crescita capace di attrarre visitatori e amanti dell’arte, grazie al richiamo esercitato da grandi nomi di artisti e alla qualità delle opere esposte. Un trend positivo, quello del DAMA, confermato dall’affluenza di pubblico che nei giorni dell’esposizione ha affollato la sede museale. L’arte di Gisela Robert, che si sostanzia in raffinati e armoniosi cromatismi capaci di evocare sensazioni forti e allo stesso tempo eteree e di lasciare un segno indelebile nella memoria di chi ammira le sue opere, ha saputo colpire e affascinare i visitatori, trasportati in un viaggio attraverso la memoria della pittrice, lungo il filo dei ricordi e delle emozioni. Un grande successo per il DAMA Museum, dunque, che non mancherà di ripetersi con la prossima esposizione di opere dell’artista Eugenio Magno.