Meta al voto, spunta anche Anna Iaccarino leader dell’opposizione a Piano di Sorrento

0

Meta. Verso le amministrative di maggio c’è un «competitor» in più. Giovane, voglioso di ambire a uno spazio importante e dire la sua. E’ «Alba metese», neonato movimento civico. La svolta era nell’aria da diversi giorni e nelle ultime ore ha assunto i contorni ufficiali. Ci sarà una lista, attualmente in corso di formazione. Programmi e obiettivi sono già abbastanza chiari e verranno svelati a stretto giro. Ma c’è un particolare da risolvere. Una sorta di intoppo. La civica «Alba metese», all’unanimità, in una riunone-fiume svoltasi l’altra sera, ha deciso di concedere il proprio supporto politico al progetto di Paolo Trapani che corre verso la rielezione. Ma soltanto a una condizione, già definita inderogabile. Ovvero che il primo cittadino di Meta sia sostenuto dal Partito democratico. Non tutto sta filando liscio su questo fronte: lo scenario di una rottura era possibile per le divisioni che si stanno registrando proprio nella squadra dei democratici. Se Trapani dovesse essere definitivamente mollato, a quel punto «Alba metese» correrà in forma indipendente. E bisognerà individuare il candidato sindaco. Fra i potenziali leader del gruppo civico spunta Anna Iaccarino. Sì, Anna Iaccarino, consigliere di minoranza al Comune di Piano di Sorrento e recentemente – nella sua azione di «opposizione» all’attività dell’amministrazione guidata dal sindaco Giovanni Ruggiero – sostenuta da Vincenzo Iaccarino, in passato vicesindaco e assessore che assieme alla «quota rosa» ha varato il movimento civico «Piano: oggi e domani». Per la verità, qualora davvero dovesse consumarsi lo strappo finale fra il Pd e Trapani, all’interno di «Alba metese» ci sarebbe già larga parte del gruppo intenzionata a piazzare Anna Iaccarino come leader del movimento civico. Tutto da definire, eventualmente, il rapporto con il suo incarico a Piano. (Salvatore Dare – Mertropolis)

Meta. Verso le amministrative di maggio c’è un «competitor» in più. Giovane, voglioso di ambire a uno spazio importante e dire la sua. E’ «Alba metese», neonato movimento civico. La svolta era nell’aria da diversi giorni e nelle ultime ore ha assunto i contorni ufficiali. Ci sarà una lista, attualmente in corso di formazione. Programmi e obiettivi sono già abbastanza chiari e verranno svelati a stretto giro. Ma c’è un particolare da risolvere. Una sorta di intoppo. La civica «Alba metese», all’unanimità, in una riunone-fiume svoltasi l’altra sera, ha deciso di concedere il proprio supporto politico al progetto di Paolo Trapani che corre verso la rielezione. Ma soltanto a una condizione, già definita inderogabile. Ovvero che il primo cittadino di Meta sia sostenuto dal Partito democratico. Non tutto sta filando liscio su questo fronte: lo scenario di una rottura era possibile per le divisioni che si stanno registrando proprio nella squadra dei democratici. Se Trapani dovesse essere definitivamente mollato, a quel punto «Alba metese» correrà in forma indipendente. E bisognerà individuare il candidato sindaco. Fra i potenziali leader del gruppo civico spunta Anna Iaccarino. Sì, Anna Iaccarino, consigliere di minoranza al Comune di Piano di Sorrento e recentemente – nella sua azione di «opposizione» all’attività dell’amministrazione guidata dal sindaco Giovanni Ruggiero – sostenuta da Vincenzo Iaccarino, in passato vicesindaco e assessore che assieme alla «quota rosa» ha varato il movimento civico «Piano: oggi e domani». Per la verità, qualora davvero dovesse consumarsi lo strappo finale fra il Pd e Trapani, all’interno di «Alba metese» ci sarebbe già larga parte del gruppo intenzionata a piazzare Anna Iaccarino come leader del movimento civico. Tutto da definire, eventualmente, il rapporto con il suo incarico a Piano. (Salvatore Dare – Mertropolis)