Torna a casa dal lavoro prima dell’alba, 18enne si schianta con l’auto contro un muro e muore

0

Si schianta con l’auto a pochi metri da casa. Un ragazzo di 18 anni Emanuele Musella, è morto questa mattina alle 4,30 in un violento incidente stradale avvenuto in via Miano, a Napoli. Il giovane aveva appena terminato il suo turno di lavoro in un bar di Arzano.
Stava rientrando a casa quando, a poche decine di metri da casa – abitava proprio in via Ianfolla -, forse a causa di un colpo di sonno (ma le cause sono ancora in corso di accertamento), su via Miano ha perso il controllo della sua Smart.

L’auto ha preso in pieno quattro cassonetti dei rifiuti che erano posizionati sul ciglio del marciapiede, uno dei quali si è praticamente «abbracciato» ad un pao dell’illuminazione e poi si è infranta contro il muro di recinzione di un’abitazione.

Sul posto è intervenuta l’unità operativa radiomobile del reparto infortunistica stradale della polizia municipale di Napoli (guidata dal capitano Giuseppe Cortese) e il personale del 118. Il giovane, che avrebbe compiuto 19 anni a settembre, ha riportato un importante trauma toracico, che quasi certamente ha causato il decesso.

Nonostante il tempestivo soccorso e il trasportato nell’ospedale Cardarelli ma è deceduto durante il trasporto. La salma è stata riconosciuta dal padre e poi trasferita al II Policlinico per l’eventuale esame autoptico.

Secondo quanto emerso dai primi rilievi, il 18enne, non aveva la cintura allacciata. Forse a causa di un colpo di sonno ha perso il controllo della vettura e si è schiantato sul muro malgrado una lunga frenata i cui segni sono visibili sull’asfalto. Non si esclude che procedesse a velocità sostenuta.il mattino

Si schianta con l'auto a pochi metri da casa. Un ragazzo di 18 anni Emanuele Musella, è morto questa mattina alle 4,30 in un violento incidente stradale avvenuto in via Miano, a Napoli. Il giovane aveva appena terminato il suo turno di lavoro in un bar di Arzano.
Stava rientrando a casa quando, a poche decine di metri da casa – abitava proprio in via Ianfolla -, forse a causa di un colpo di sonno (ma le cause sono ancora in corso di accertamento), su via Miano ha perso il controllo della sua Smart.

L'auto ha preso in pieno quattro cassonetti dei rifiuti che erano posizionati sul ciglio del marciapiede, uno dei quali si è praticamente «abbracciato» ad un pao dell'illuminazione e poi si è infranta contro il muro di recinzione di un'abitazione.

Sul posto è intervenuta l'unità operativa radiomobile del reparto infortunistica stradale della polizia municipale di Napoli (guidata dal capitano Giuseppe Cortese) e il personale del 118. Il giovane, che avrebbe compiuto 19 anni a settembre, ha riportato un importante trauma toracico, che quasi certamente ha causato il decesso.

Nonostante il tempestivo soccorso e il trasportato nell'ospedale Cardarelli ma è deceduto durante il trasporto. La salma è stata riconosciuta dal padre e poi trasferita al II Policlinico per l'eventuale esame autoptico.

Secondo quanto emerso dai primi rilievi, il 18enne, non aveva la cintura allacciata. Forse a causa di un colpo di sonno ha perso il controllo della vettura e si è schiantato sul muro malgrado una lunga frenata i cui segni sono visibili sull'asfalto. Non si esclude che procedesse a velocità sostenuta.il mattino