Salerno. Anziano derubato di 3.500 euro con un raggiro

0

Salerno. Ancora una truffa ai danni di un anziano. L’ultima in ordine di tempo è avvenuta mercoledì pomeriggio, nel quartiere Italia, nella zona orientale della città. In via Cantarella, infatti, due finti agenti assicurativi si sono presentati presso l’abitazione della loro vittima chiedendogli del danaro che, a loro detta, sarebbe servito per sbloccare il pagamento di una somma molto più ingente a risarcimento di un sinistro stradale in cui era stato coinvolto in passato il figlio dell’anziano. I truffatori si sono fatti consegnare circa 3.500 euro e per rendere più credibile la loro richiesta hanno usato il rodato escamotage della telefonata del finto figlio, un complice ovviamente, che ha rassicurato l’anziano sulla veridicità dei fatti. I truffatori hanno quindi intascato la somma e sono andati via. Solo ieri la vittima, dopo aver parlato con il suo vero figlio, ha scoperto il raggiro e ha contattato la questura per sporgere denuncia. Sono in corso indagini, da parte della polizia, per risalire all’identità dei due truffatori. Nelle ultime settimane, anche grazie alle campagne di sensibilizzazione condotte dalla questura di Salerno, si erano registrati diversi casi di tentativi di truffa andati a vuoto. (La Città di Salerno)

Salerno. Ancora una truffa ai danni di un anziano. L’ultima in ordine di tempo è avvenuta mercoledì pomeriggio, nel quartiere Italia, nella zona orientale della città. In via Cantarella, infatti, due finti agenti assicurativi si sono presentati presso l’abitazione della loro vittima chiedendogli del danaro che, a loro detta, sarebbe servito per sbloccare il pagamento di una somma molto più ingente a risarcimento di un sinistro stradale in cui era stato coinvolto in passato il figlio dell’anziano. I truffatori si sono fatti consegnare circa 3.500 euro e per rendere più credibile la loro richiesta hanno usato il rodato escamotage della telefonata del finto figlio, un complice ovviamente, che ha rassicurato l’anziano sulla veridicità dei fatti. I truffatori hanno quindi intascato la somma e sono andati via. Solo ieri la vittima, dopo aver parlato con il suo vero figlio, ha scoperto il raggiro e ha contattato la questura per sporgere denuncia. Sono in corso indagini, da parte della polizia, per risalire all’identità dei due truffatori. Nelle ultime settimane, anche grazie alle campagne di sensibilizzazione condotte dalla questura di Salerno, si erano registrati diversi casi di tentativi di truffa andati a vuoto. (La Città di Salerno)

Lascia una risposta