NAPOLI: RAGAZZA DI 16 ANNI ACCUSA DUE NOMADI DI MOLESTIE

0

Una cinquantina di persone ha provato ad assaltare il campo Rom di Poggioreale, alla periferia orientale di Napoli, dopo che una ragazza di 16 anni aveva riferito di essere stata molestata da due nomadi. Il fatto è avvenuto martedì sera e polizia e carabinieri sono dovuti intervenire per riportare la situazione alla calma. Nei tafferugli un paio di persone sono rimaste ferite lievemente.
Giovane accusa nomadi di molestieIn cinquanta assaltano il campo rom Prima due cugini – La rappresaglia è iniziata poco prima delle 21, quando la giovane ha fatto ritorno a casa, in via Oreste Salomone, raccontando ai familiari di essere stata molestata da due nomadi. La ragazza era in stato d’agitazione e in ospedale le è stato riscontrato uno stato d’ansia. Poco dopo due suoi cugini, poco più che ventenni, hanno raggiunto il campo rom di via del Riposo per punire i molestatori. E’ nata una collutazione con alcuni nomadi, dalla quale i due parenti della ragazza sono usciti con lievi ferite, medicate in ospedale e giudicate guaribili in 5 e 7 giorni.
Cinquanta in rivolta – Più tardi, una cinquantina di persone si è diretta verso l’insediamento dei rom. Qui è scattata una sassaiola, seguita dal tentativo della folla di assaltare le baracche. Sono quindi dovute intervenute le Volanti dell’Upg e del Commissariato di Poggioreale, appoggiate da alcune Gazzelle di carabinieri. La rivolta è proseguita fino alle 23, quando la situazione è tornata alla calma, al momento senza nessuna denuncia. Non è la prima volta che il campo rom in questione, nel quale vivono 250 persone, finisce al centro delle cronache. Il degrado igienico dell’insediamento aveva già scatenato proteste e tentativi d’incendio da parte di abitanti della zona.
TELECAPRINEWSUna cinquantina di persone ha provato ad assaltare il campo Rom di Poggioreale, alla periferia orientale di Napoli, dopo che una ragazza di 16 anni aveva riferito di essere stata molestata da due nomadi. Il fatto è avvenuto martedì sera e polizia e carabinieri sono dovuti intervenire per riportare la situazione alla calma. Nei tafferugli un paio di persone sono rimaste ferite lievemente.
Giovane accusa nomadi di molestieIn cinquanta assaltano il campo rom Prima due cugini – La rappresaglia è iniziata poco prima delle 21, quando la giovane ha fatto ritorno a casa, in via Oreste Salomone, raccontando ai familiari di essere stata molestata da due nomadi. La ragazza era in stato d’agitazione e in ospedale le è stato riscontrato uno stato d’ansia. Poco dopo due suoi cugini, poco più che ventenni, hanno raggiunto il campo rom di via del Riposo per punire i molestatori. E’ nata una collutazione con alcuni nomadi, dalla quale i due parenti della ragazza sono usciti con lievi ferite, medicate in ospedale e giudicate guaribili in 5 e 7 giorni.
Cinquanta in rivolta – Più tardi, una cinquantina di persone si è diretta verso l’insediamento dei rom. Qui è scattata una sassaiola, seguita dal tentativo della folla di assaltare le baracche. Sono quindi dovute intervenute le Volanti dell’Upg e del Commissariato di Poggioreale, appoggiate da alcune Gazzelle di carabinieri. La rivolta è proseguita fino alle 23, quando la situazione è tornata alla calma, al momento senza nessuna denuncia. Non è la prima volta che il campo rom in questione, nel quale vivono 250 persone, finisce al centro delle cronache. Il degrado igienico dell’insediamento aveva già scatenato proteste e tentativi d’incendio da parte di abitanti della zona.
TELECAPRINEWS