Usa, Julia, 39 anni, uccide l’amica incinta e le ruba la figlia dalla pancia

0

Julia Corey, 39 anni, aveva subito un aborto spontaneo all’ottavo mese. Con l’amica Darlene Hayes aveva condiviso la gravidanza e le chiacchierate per la scelta del nome. Perso il bambino, ha finto di proseguire l’attesa per il figlio, ma nella sua testa stava organizzando un massacro. Ha strangolato eucciso l’amica senza pieta, l’ha “aperta” rubandole la figlia ancora prematura ed è scappata. Due giorni dopo però è stata scoperta dalla polizia in un rifugio ad oltre 150 chilometri di distanza.

Stava fingendo di aver partorito e di essere la madre di Sheila Marie, così come l’aveva chiamata, ed ha accusato il marito dell’amica Roberto Rodriguez. Lei ha continuato a negare con forza il fatto, sostenendo come fosse sua la bambina.

Adesso attende la sentenza che potrebbe condannarla all’ergastolo mentre Sheila Marie potrà proseguire la sua vita assieme al papà naturale.ilmattino

Julia Corey, 39 anni, aveva subito un aborto spontaneo all'ottavo mese. Con l'amica Darlene Hayes aveva condiviso la gravidanza e le chiacchierate per la scelta del nome. Perso il bambino, ha finto di proseguire l'attesa per il figlio, ma nella sua testa stava organizzando un massacro. Ha strangolato eucciso l'amica senza pieta, l'ha "aperta" rubandole la figlia ancora prematura ed è scappata. Due giorni dopo però è stata scoperta dalla polizia in un rifugio ad oltre 150 chilometri di distanza.

Stava fingendo di aver partorito e di essere la madre di Sheila Marie, così come l'aveva chiamata, ed ha accusato il marito dell'amica Roberto Rodriguez. Lei ha continuato a negare con forza il fatto, sostenendo come fosse sua la bambina.

Adesso attende la sentenza che potrebbe condannarla all'ergastolo mentre Sheila Marie potrà proseguire la sua vita assieme al papà naturale.ilmattino

Lascia una risposta