Napoli. Aggredito autista dell’R2: un passeggero gli sferra un pugno sulla guancia

0

Napoli – Questa volta è successo in pieno giorno e in un’ora di punta, poco dopo le 13. Un autista dell’Anm è stato aggredito da un passeggero. L’episodio, l’ennesima aggressione, si è consumata a bordo dell’R2, tra piazza Municipio e la fermata all’altezza del maschio Angioino.

L’autista, L. F., 35 anni, da dieci anni in Anm, è dovuto ricorrere alle cure dei medici del Loreto Mare. Un uomo – racconta – è salito alla fermata all’altezza del Maschio Angioino ed ha iniziato ad inveire contro di me perchè a suo avviso non mi ero fermato a sufficienza alla fermata di piazza Municipio, prima l’aggressione verbale e poi mi hasferrato un cazzotto alla guancia sinistra.

I passeggeri non hanno avuto alcun tipo di reazione se non quella di protestare perchè il mezzo si è fermato in attesa dell’arrivo degli agenti della municipale.

E’ questo l’ennisima violenza ai danni di autisti dell’Anm. «Siamo stanchi di subire aggressioni – denuncia Giovanni Imbellone della Faisa Cisal – da tempo si parla di vigilare sulla sicurezza del personale addetto alla guida, chiediamo seri provvedimenti in merito, in mancanza dei quali siamo pronti ad attuare forme di protesta»il   mattino

Napoli – Questa volta è successo in pieno giorno e in un'ora di punta, poco dopo le 13. Un autista dell'Anm è stato aggredito da un passeggero. L'episodio, l'ennesima aggressione, si è consumata a bordo dell'R2, tra piazza Municipio e la fermata all'altezza del maschio Angioino.

L'autista, L. F., 35 anni, da dieci anni in Anm, è dovuto ricorrere alle cure dei medici del Loreto Mare. Un uomo – racconta – è salito alla fermata all'altezza del Maschio Angioino ed ha iniziato ad inveire contro di me perchè a suo avviso non mi ero fermato a sufficienza alla fermata di piazza Municipio, prima l'aggressione verbale e poi mi hasferrato un cazzotto alla guancia sinistra.

I passeggeri non hanno avuto alcun tipo di reazione se non quella di protestare perchè il mezzo si è fermato in attesa dell'arrivo degli agenti della municipale.

E' questo l'ennisima violenza ai danni di autisti dell'Anm. «Siamo stanchi di subire aggressioni – denuncia Giovanni Imbellone della Faisa Cisal – da tempo si parla di vigilare sulla sicurezza del personale addetto alla guida, chiediamo seri provvedimenti in merito, in mancanza dei quali siamo pronti ad attuare forme di protesta»il   mattino