Santi e beati del 5 di marzo

0

Si festeggiano: san Giovanni Giuseppe della Croce (al secolo Carlo Gaetano Calosirto) Ischia 1654-Napoli 1734, dell’Ordine dei frati minori, confessore; le spoglie trasferite da santa Lucia al Monte a Napoli furono portate per ordine del Vescovo al convento francescano di Ischia; protettore di Ischia, viene festeggiato anche a Piedimonte Matese……………………………………………………………………………………………………………………
San Foca , detto l’Ortolano, visse a Sinope (ponte Eusino), dove lavorava come giardiniere;fu denunciato perchè cristiano, scavò da sè la fossa e si consegnò sorridendo ai suoi carnefici. Invocato contro il morso dei serpenti; alcune reliquie sono conservate sotto l’altare maggiore di san Marcello al Corso a Roma. visse tra il 1° e12°secolo……………………………………………………………………………………………………………………………………..
San Cono, detto il Taumaturgo, originario dell’Isauria nell’odierna Turchia; sposato contro il suo desiderio ma per volere paterno, riuscì a convivere con la sua sposa Anna in perfetta santità e castità. Visse al tempo degli apostoli e fu definito osiomartus, cioè martire pio, casto. Patrono di Castelcivita/SA ,è protettore de sordomuti………………………………………………………………………………………………………………..
sant’Adriano di Cesarea (nativo di Adria/RO) fu martirizzato in Palestina dove si era recato con Eubulo a marzo del 309; protettore dei corrieri; nome di molti papa………………………………………………………………….
San Teofilo di Cesarea (Teofilo= amico di Dio) terzo vescovo di Cesarea Marittima verso il 189, prese parte ad un sinodo riunito in Palestina per discutere della Pasqua………………………………………………………..
San Ciuran, detto Ciaran il vecchio, noto come Kieran o Ciarano, vescovo cattolico irlandese del IV secolo.
San Gerosimo m. il 5 marzo del 475, anacoreta in Palestina……………………………………………………………………..
San Virgilio di Arles, abate del monasteso e vescovo della città di Autun, fu arcivescovo di Arles; papa Gregorio il Grande gli offrì il vicariato pontificio………………………………………………………………………………..
beato Geremia da Valacchia (Ian Kostist) m. Napoli nel 1625, religioso cappuccino italiano di origine rumena————————————————————————————————-
g.a.Si festeggiano: san Giovanni Giuseppe della Croce (al secolo Carlo Gaetano Calosirto) Ischia 1654-Napoli 1734, dell’Ordine dei frati minori, confessore; le spoglie trasferite da santa Lucia al Monte a Napoli furono portate per ordine del Vescovo al convento francescano di Ischia; protettore di Ischia, viene festeggiato anche a Piedimonte Matese……………………………………………………………………………………………………………………
San Foca , detto l’Ortolano, visse a Sinope (ponte Eusino), dove lavorava come giardiniere;fu denunciato perchè cristiano, scavò da sè la fossa e si consegnò sorridendo ai suoi carnefici. Invocato contro il morso dei serpenti; alcune reliquie sono conservate sotto l’altare maggiore di san Marcello al Corso a Roma. visse tra il 1° e12°secolo……………………………………………………………………………………………………………………………………..
San Cono, detto il Taumaturgo, originario dell’Isauria nell’odierna Turchia; sposato contro il suo desiderio ma per volere paterno, riuscì a convivere con la sua sposa Anna in perfetta santità e castità. Visse al tempo degli apostoli e fu definito osiomartus, cioè martire pio, casto. Patrono di Castelcivita/SA ,è protettore de sordomuti………………………………………………………………………………………………………………..
sant’Adriano di Cesarea (nativo di Adria/RO) fu martirizzato in Palestina dove si era recato con Eubulo a marzo del 309; protettore dei corrieri; nome di molti papa………………………………………………………………….
San Teofilo di Cesarea (Teofilo= amico di Dio) terzo vescovo di Cesarea Marittima verso il 189, prese parte ad un sinodo riunito in Palestina per discutere della Pasqua………………………………………………………..
San Ciuran, detto Ciaran il vecchio, noto come Kieran o Ciarano, vescovo cattolico irlandese del IV secolo.
San Gerosimo m. il 5 marzo del 475, anacoreta in Palestina……………………………………………………………………..
San Virgilio di Arles, abate del monasteso e vescovo della città di Autun, fu arcivescovo di Arles; papa Gregorio il Grande gli offrì il vicariato pontificio………………………………………………………………………………..
beato Geremia da Valacchia (Ian Kostist) m. Napoli nel 1625, religioso cappuccino italiano di origine rumena————————————————————————————————-
g.a.