SIENA -JUVE STABIA – PEA IN TOSCANA PER VINCERE

0

La Juve Stabia a Siena per vincere,ne è convinto Fulvio Pea.Stiamo crescendo e crediamo nella salvezza.Dopo tre risultati utili di fila, la Juve Stabia è pronta alla sfida con i bianconeri di Beretta alla ricerca del poker, con l’obiettivo di riprendersi, con un pizzico di fortuna in più, quanto perso contro la Reggina sette giorni fa. «Sappiamo di aver perso due punti – sorride amaro Pea -, però a me interessa la prestazione della squadra. Stiamo crescendo, vedo i ragazzi convinti dei propri mezzi, è questa la strada che dobbiamo seguire, restando concentrati su un obiettivo che abbiamo tutti ben chiaro nella mente.

Miki de Lucia per Positanonews

L’ex Juventus potrebbe trovare una maglia da titolare a centrocampo

Giandonato in rampa di lancio Possibile esordio di Romeo

 

Non dobbiamo distrarci, ma continuare a giocare sereni, convinti dei nostri mezzi e cercare di portare a casa il massimo possibile». Fa paura, la Juve Stabia. Il tecnico senese, Beretta, ha catechizzato i suoi sul valore di un avversario che attraversa un buon momento di condizione fisica e mentale. «Affrontiamo un avversario – queste le sue parole alla vigilia della sfida odierna – che a dispetto della classifica ha buone qualità e ha collezionato una striscia positiva interessante». Sarà sfida aperta tra Siena e Juve Stabia. Pea ha convocato tutti gli effettivi, lasciando a casa per infortunio Vitale, Mezavilla e Parigini e per scelta tecnica Doukarà, ormai ai margini del gruppo, e Baraye, che paga qualche intemperanza di troppo. «Potrebbe esserci qualche novità nella formazione, anche se quasi tutto l’undici sarà confermato». Parole e musica di Pea, che sembrerebbe orientato a due probabili esordi. In difesa, al fianco di Contini e Lanzaro, dovrebbe essere la volta dell’ex Empoli, Romeo, con Ghiringhelli che torna in panchina. A centrocampo, invece, Lieviero e Zampano, esterni, al pari di Caserta, sembrano inamovibili.

 

Così il possibile innesto di Giandonato passa per l’esclusione di uno tra De Falco e Djiby, con il primo indiziato a lasciare la maglia all’ex juventino. In attacco difficile per Sowe smuovere la coppia Falco-Di Carmine, così sia lui che Di Nardo dovranno accontentarsi di trovare spazio a gara in corso, magari per piazzare la zampata giusta, aiutando la squadra ad incamerare il quarto risultato utile e, perché no, tentare un exploit esterno ormai nelle corde della Juve Stabia.Dopo tre risultati utili di fila, la Juve Stabia è pronta alla sfida con i bianconeri di Beretta alla ricerca del poker, con l’obiettivo di riprendersi, con un pizzico di fortuna in più, quanto perso contro la Reggina sette giorni fa. «Sappiamo di aver perso due punti – sorride amaro Pea -, però a me interessa la prestazione della squadra. Stiamo crescendo, vedo i ragazzi convinti dei propri mezzi, è questa la strada che dobbiamo seguire, restando concentrati su un obiettivo che abbiamo tutti ben chiaro nella mente. La salvezza è fondamentale per noi, non dobbiamo distrarci, ma continuare a giocare sereni, convinti dei nostri mezzi e cercare di portare a casa il massimo possibile». Fa paura, la Juve Stabia. Il tecnico senese, Beretta, ha catechizzato i suoi sul valore di un avversario che attraversa un buon momento di condizione fisica e mentale. «Affrontiamo un avversario – queste le sue parole alla vigilia della sfida odierna – che a dispetto della classifica ha buone qualità e ha collezionato una striscia positiva interessante». Sarà sfida aperta tra Siena e Juve Stabia. Pea ha convocato tutti gli effettivi, lasciando a casa per infortunio Vitale, Mezavilla e Parigini e per scelta tecnica Doukarà, ormai ai margini del gruppo, e Baraye, che paga qualche intemperanza di troppo. «Potrebbe esserci qualche novità nella formazione, anche se quasi tutto l’undici sarà confermato». Parole e musica di Pea, che sembrerebbe orientato a due probabili esordi. In difesa, al fianco di Contini e Lanzaro, dovrebbe essere la volta dell’ex Empoli, Romeo, con Ghiringhelli che torna in panchina. A centrocampo, invece, Lieviero e Zampano, esterni, al pari di Caserta, sembrano inamovibili. Così il possibile innesto di Giandonato passa per l’esclusione di uno tra De Falco e Djiby, con il primo indiziato a lasciare la maglia all’ex juventino. In attacco difficile per Sowe smuovere la coppia Falco-Di Carmine, così sia lui che Di Nardo dovranno accontentarsi di trovare spazio a gara in corso, magari per piazzare la zampata giusta, aiutando la squadra ad incamerare il quarto risultato utile e, perché no, tentare un exploit esterno ormai nelle corde della Juve Stabia.

Fonte:ilmattino

Foto tratte da metropolisweb

La Juve Stabia a Siena per vincere,ne è convinto Fulvio Pea.Stiamo crescendo e crediamo nella salvezza.Dopo tre risultati utili di fila, la Juve Stabia è pronta alla sfida con i bianconeri di Beretta alla ricerca del poker, con l’obiettivo di riprendersi, con un pizzico di fortuna in più, quanto perso contro la Reggina sette giorni fa. «Sappiamo di aver perso due punti – sorride amaro Pea -, però a me interessa la prestazione della squadra. Stiamo crescendo, vedo i ragazzi convinti dei propri mezzi, è questa la strada che dobbiamo seguire, restando concentrati su un obiettivo che abbiamo tutti ben chiaro nella mente.

Miki de Lucia per Positanonews

L’ex Juventus potrebbe trovare una maglia da titolare a centrocampo

Giandonato in rampa di lancio Possibile esordio di Romeo
 
Non dobbiamo distrarci, ma continuare a giocare sereni, convinti dei nostri mezzi e cercare di portare a casa il massimo possibile». Fa paura, la Juve Stabia. Il tecnico senese, Beretta, ha catechizzato i suoi sul valore di un avversario che attraversa un buon momento di condizione fisica e mentale. «Affrontiamo un avversario – queste le sue parole alla vigilia della sfida odierna – che a dispetto della classifica ha buone qualità e ha collezionato una striscia positiva interessante». Sarà sfida aperta tra Siena e Juve Stabia. Pea ha convocato tutti gli effettivi, lasciando a casa per infortunio Vitale, Mezavilla e Parigini e per scelta tecnica Doukarà, ormai ai margini del gruppo, e Baraye, che paga qualche intemperanza di troppo. «Potrebbe esserci qualche novità nella formazione, anche se quasi tutto l’undici sarà confermato». Parole e musica di Pea, che sembrerebbe orientato a due probabili esordi. In difesa, al fianco di Contini e Lanzaro, dovrebbe essere la volta dell’ex Empoli, Romeo, con Ghiringhelli che torna in panchina. A centrocampo, invece, Lieviero e Zampano, esterni, al pari di Caserta, sembrano inamovibili.
 
Così il possibile innesto di Giandonato passa per l’esclusione di uno tra De Falco e Djiby, con il primo indiziato a lasciare la maglia all’ex juventino. In attacco difficile per Sowe smuovere la coppia Falco-Di Carmine, così sia lui che Di Nardo dovranno accontentarsi di trovare spazio a gara in corso, magari per piazzare la zampata giusta, aiutando la squadra ad incamerare il quarto risultato utile e, perché no, tentare un exploit esterno ormai nelle corde della Juve Stabia.Dopo tre risultati utili di fila, la Juve Stabia è pronta alla sfida con i bianconeri di Beretta alla ricerca del poker, con l’obiettivo di riprendersi, con un pizzico di fortuna in più, quanto perso contro la Reggina sette giorni fa. «Sappiamo di aver perso due punti – sorride amaro Pea -, però a me interessa la prestazione della squadra. Stiamo crescendo, vedo i ragazzi convinti dei propri mezzi, è questa la strada che dobbiamo seguire, restando concentrati su un obiettivo che abbiamo tutti ben chiaro nella mente. La salvezza è fondamentale per noi, non dobbiamo distrarci, ma continuare a giocare sereni, convinti dei nostri mezzi e cercare di portare a casa il massimo possibile». Fa paura, la Juve Stabia. Il tecnico senese, Beretta, ha catechizzato i suoi sul valore di un avversario che attraversa un buon momento di condizione fisica e mentale. «Affrontiamo un avversario – queste le sue parole alla vigilia della sfida odierna – che a dispetto della classifica ha buone qualità e ha collezionato una striscia positiva interessante». Sarà sfida aperta tra Siena e Juve Stabia. Pea ha convocato tutti gli effettivi, lasciando a casa per infortunio Vitale, Mezavilla e Parigini e per scelta tecnica Doukarà, ormai ai margini del gruppo, e Baraye, che paga qualche intemperanza di troppo. «Potrebbe esserci qualche novità nella formazione, anche se quasi tutto l’undici sarà confermato». Parole e musica di Pea, che sembrerebbe orientato a due probabili esordi. In difesa, al fianco di Contini e Lanzaro, dovrebbe essere la volta dell’ex Empoli, Romeo, con Ghiringhelli che torna in panchina. A centrocampo, invece, Lieviero e Zampano, esterni, al pari di Caserta, sembrano inamovibili. Così il possibile innesto di Giandonato passa per l’esclusione di uno tra De Falco e Djiby, con il primo indiziato a lasciare la maglia all’ex juventino. In attacco difficile per Sowe smuovere la coppia Falco-Di Carmine, così sia lui che Di Nardo dovranno accontentarsi di trovare spazio a gara in corso, magari per piazzare la zampata giusta, aiutando la squadra ad incamerare il quarto risultato utile e, perché no, tentare un exploit esterno ormai nelle corde della Juve Stabia.

Fonte:ilmattino

Foto tratte da metropolisweb