Sant’Agnello. L’esponente di minoranza Antonino Coppola polemizza con la giunta

0

Sant’Agnello. «L’amministrazione non deve essere ottusa. Ascolti le proposte, ascolti le lamentele dei cittadini, accetti un confronto sereno per trovare una soluzione condivisa e urgente. Il dispositivo di viabilità fa acqua da tutte le parti e crea disservizi continui che si ripercuotono sull’intera tenuta stradale della penisola sorrentina». Antonino Coppola (nella foto) torna sulla questione traffico. Il consigliere comunale di opposizione invita la giunta del sindaco Piergiorgio Sagristani a modificare al più presto il piano traffico. A finire nel mirino è ovviamente l’addio al doppio senso a via Ripa di Cassano, al confine con Piano di Sorrento. Decisione assunta in estate e che ha provocato solo code, disagi e proteste. «Certo, c’è un problema sicurezza e non lo si può negare ma di fondo va messo in discussione l’atteggiamento dell’amministrazione comunale che, invece di capire qual è il problema, si innamora delle proprie idee senza volerle lasciare – dice il consigliere di “Liberi e uguali per Sant’Agnello” – E’ fondamentale trovare una soluzione condivisa per evitare il collasso definitivo». C’è spazio poi alla vendita dell’immobile di via Diaz, sancita già dal Comune di Sant’Agnello. «Intendiamo bloccare questa procedura. E per farlo siamo pronti a raccogliere le firme per un referendum popolare per i cittadini di Sant’Agnello a cui dovrà spettare la decisione finale. Così, in questo momento, bisogna dare sempre più valore alla figura della gente che non deve rimanere estromessa dal caso. A Sant’Agnello manca un centro di aggregazione per i giovani e l’immobile di via Diaz potrebbe rappresentare un’opportunità concreta». Si passa poi alla Tares: «E’ urgente dare risposta al salasso di cui sono rimasti “vittima” i cittadini – sottolinea Coppola – Serve un listino che comporti maggiore equilibrio fra semplici residenti e, ad esempio, la categoria degli alberghi. Un argomento su cui l’esecutivo deve lavorare». Ultimo capitolo è quello del centro polifunzionale sportivo di Msc inaugurato un mese fa a Sant’Agnello. «Non ho ancora ben capito quali siano i vantaggi per il Comune e i residenti – conclude il consigliere di minoranza – Servono risposte su cui l’amministrazione non si può tirare indietro». (Metropolis)

Sant’Agnello. «L’amministrazione non deve essere ottusa. Ascolti le proposte, ascolti le lamentele dei cittadini, accetti un confronto sereno per trovare una soluzione condivisa e urgente. Il dispositivo di viabilità fa acqua da tutte le parti e crea disservizi continui che si ripercuotono sull’intera tenuta stradale della penisola sorrentina». Antonino Coppola (nella foto) torna sulla questione traffico. Il consigliere comunale di opposizione invita la giunta del sindaco Piergiorgio Sagristani a modificare al più presto il piano traffico. A finire nel mirino è ovviamente l’addio al doppio senso a via Ripa di Cassano, al confine con Piano di Sorrento. Decisione assunta in estate e che ha provocato solo code, disagi e proteste. «Certo, c’è un problema sicurezza e non lo si può negare ma di fondo va messo in discussione l’atteggiamento dell’amministrazione comunale che, invece di capire qual è il problema, si innamora delle proprie idee senza volerle lasciare – dice il consigliere di “Liberi e uguali per Sant’Agnello” – E’ fondamentale trovare una soluzione condivisa per evitare il collasso definitivo». C’è spazio poi alla vendita dell’immobile di via Diaz, sancita già dal Comune di Sant’Agnello. «Intendiamo bloccare questa procedura. E per farlo siamo pronti a raccogliere le firme per un referendum popolare per i cittadini di Sant’Agnello a cui dovrà spettare la decisione finale. Così, in questo momento, bisogna dare sempre più valore alla figura della gente che non deve rimanere estromessa dal caso. A Sant’Agnello manca un centro di aggregazione per i giovani e l’immobile di via Diaz potrebbe rappresentare un’opportunità concreta». Si passa poi alla Tares: «E’ urgente dare risposta al salasso di cui sono rimasti “vittima” i cittadini – sottolinea Coppola – Serve un listino che comporti maggiore equilibrio fra semplici residenti e, ad esempio, la categoria degli alberghi. Un argomento su cui l’esecutivo deve lavorare». Ultimo capitolo è quello del centro polifunzionale sportivo di Msc inaugurato un mese fa a Sant’Agnello. «Non ho ancora ben capito quali siano i vantaggi per il Comune e i residenti – conclude il consigliere di minoranza – Servono risposte su cui l’amministrazione non si può tirare indietro». (Metropolis)