Per la cronaca Comune di Praiano, Villa Il Frantoio, Via Constantinopoli: il disagio di un odissea epocal

0

Di Nicola Albertoni. Da un breve conversazione con Giulio Gagliano titolare del B&B  Villa Il Frantoio PositanoNews si fa portavoce di una situazione di disagio di natura verosimilmente epocale che ormai dura da decenni e che vede come protagonisti da un lato l’ amministrazione comunale dall’ altro una rosa di privati tra cui il B&B Villa Il Frantoio. Un ulteriore caso di malaamministrazione ? Ebbene la storia inizia nel lontano 1981 quando il Comune di Praiano emette decreto di occupazione d’ urgenza preordinato all’espropriazione di un terreno agricolo di un privato zona Via Constantinopoli. Su questo terreno viene costruita una strada asfaltata, finita e a lavori conclusisi l’ originario proprietario vince il ricorso contro quel decreto. Sin da quel lontano 1981 quel decreto non e’ stato mai perfezionato e l’ amministrazione comunale a tutt’ oggi non ha mai versato alcuna indennita’ relativa all’ esproprio. “La signora proprietaria del fondo espropriato fece ricorso nel 2005 che fu vinto poiche’ il Comune non ha mai presentato alcuna difesa” cosi’ si esprime Giulio Gagliano. Cosiddetta inattivita’ processuale. Ma la situazione di disagio si fa sentire proprio per quegli e per tutte quelle case vacanze B&B tra cui anche Villa Il Frantoio che avevano fatto affidamento per anni su quella strada che il Comune aveva costruito ma che adesso e’ chiusa per via di un decreto mai perfezionato, per via dell’ inerzia epocale di quell’ amministrazione. Commenta Giulio Gagliano “adesso come stanno le cose c’ e’ solo una stradina stretta  che porta al B&B i clienti sono costretti a parcheggiare almeno a 150 metri dall’ albergo e portare una valigia in mano e’ molto difficile …” ma, continua Giulio, “se c’ e’ un’ emergenza o qualcosa li’ ci puo’ anche scappare il morto..”  A tutt’ oggi la migliore cosa che il Comune potrebbe fare per ripristinare in meglio le cose sarebbe quella di emettere un nuovo provvedimento di espropriazione. Ma per questo il Comune dovrebbe versare una cifra, ma si tratta di numeri davvero irrisori… “intorno ai 10.000euro” dice Giulio Gagliano. PositanoNews : Ci puo’ spiegare secondo lei quali sono le ragioni?” Giulio Gagliano : “ …questo non l’ abbiamo capito sembra piu’ un dispetto…”

Per la cronaca il B&B Villa Il Frantoio nel 2011 e nel 2012 rispettivamente ha presentato tramite ricorso azione di reintegrazione del possesso relativamente ad una servitu’ di passaggio sul terreno-strada in oggetto, ricorso che e’ stato respinto in entrambi i casi. Sempre nel 2011 i proprietari di Villa Il Frantoio hanno sporto denuncia nei confronti dell amministrazione comunale per omissione d’ atti d’ ufficio ex art 328 c.p. per via dell’ esproprio mai perfezionato e che tutt’ oggi ostacola la libera circolazione delle macchine in quel famigerato tratto di via Constantinopoli; ma commenta Giulio Gagliano “non abbiamo ancora avuto notizie….” Nicola Albertoni  Una storia complessa questa finita con sentenza di tribunale di Salerno 560/12 , I sez civile Gudie Scarpa, non impugnata, nella quale il Giudice ha ritenuto, per la causa iniziata nel 1978, che erano state occupate abusivamente dal Comune di Praiano le particelle 39/40 per costruire una strada a Croce – Costantinopoi  fu emanato il decreto il 18.5.81 . Secondo il Giudice “Non vi è stata una irreversibile trasformazione della strada”, ma in realtà, spiegano i residenti, la strada era praticamente completata. Ad ogni buon conto il Comune stipula una convenzione con i Fusco , a firmare l’accordo per l’ente l’architetto Salvatore Napolitano, alla fine si tratta quasi di una resa senza condizioni dell’ente che si ritrova a perdere il bene e a pagare i danni sulle 20.000 euro .. 

Di Nicola Albertoni. Da un breve conversazione con Giulio Gagliano titolare del B&B  Villa Il Frantoio PositanoNews si fa portavoce di una situazione di disagio di natura verosimilmente epocale che ormai dura da decenni e che vede come protagonisti da un lato l’ amministrazione comunale dall’ altro una rosa di privati tra cui il B&B Villa Il Frantoio. Un ulteriore caso di malaamministrazione ? Ebbene la storia inizia nel lontano 1981 quando il Comune di Praiano emette decreto di occupazione d’ urgenza preordinato all'espropriazione di un terreno agricolo di un privato zona Via Constantinopoli. Su questo terreno viene costruita una strada asfaltata, finita e a lavori conclusisi l’ originario proprietario vince il ricorso contro quel decreto. Sin da quel lontano 1981 quel decreto non e’ stato mai perfezionato e l’ amministrazione comunale a tutt’ oggi non ha mai versato alcuna indennita’ relativa all’ esproprio. “La signora proprietaria del fondo espropriato fece ricorso nel 2005 che fu vinto poiche’ il Comune non ha mai presentato alcuna difesa” cosi’ si esprime Giulio Gagliano. Cosiddetta inattivita’ processuale. Ma la situazione di disagio si fa sentire proprio per quegli e per tutte quelle case vacanze B&B tra cui anche Villa Il Frantoio che avevano fatto affidamento per anni su quella strada che il Comune aveva costruito ma che adesso e’ chiusa per via di un decreto mai perfezionato, per via dell’ inerzia epocale di quell’ amministrazione. Commenta Giulio Gagliano “adesso come stanno le cose c’ e’ solo una stradina stretta  che porta al B&B i clienti sono costretti a parcheggiare almeno a 150 metri dall’ albergo e portare una valigia in mano e’ molto difficile …” ma, continua Giulio, “se c’ e’ un’ emergenza o qualcosa li’ ci puo’ anche scappare il morto..”  A tutt’ oggi la migliore cosa che il Comune potrebbe fare per ripristinare in meglio le cose sarebbe quella di emettere un nuovo provvedimento di espropriazione. Ma per questo il Comune dovrebbe versare una cifra, ma si tratta di numeri davvero irrisori… “intorno ai 10.000euro” dice Giulio Gagliano. PositanoNews : Ci puo’ spiegare secondo lei quali sono le ragioni?” Giulio Gagliano : “ …questo non l’ abbiamo capito sembra piu’ un dispetto…”

Per la cronaca il B&B Villa Il Frantoio nel 2011 e nel 2012 rispettivamente ha presentato tramite ricorso azione di reintegrazione del possesso relativamente ad una servitu’ di passaggio sul terreno-strada in oggetto, ricorso che e’ stato respinto in entrambi i casi. Sempre nel 2011 i proprietari di Villa Il Frantoio hanno sporto denuncia nei confronti dell amministrazione comunale per omissione d’ atti d’ ufficio ex art 328 c.p. per via dell’ esproprio mai perfezionato e che tutt’ oggi ostacola la libera circolazione delle macchine in quel famigerato tratto di via Constantinopoli; ma commenta Giulio Gagliano “non abbiamo ancora avuto notizie….” Nicola Albertoni  Una storia complessa questa finita con sentenza di tribunale di Salerno 560/12 , I sez civile Gudie Scarpa, non impugnata, nella quale il Giudice ha ritenuto, per la causa iniziata nel 1978, che erano state occupate abusivamente dal Comune di Praiano le particelle 39/40 per costruire una strada a Croce – Costantinopoi  fu emanato il decreto il 18.5.81 . Secondo il Giudice "Non vi è stata una irreversibile trasformazione della strada", ma in realtà, spiegano i residenti, la strada era praticamente completata. Ad ogni buon conto il Comune stipula una convenzione con i Fusco , a firmare l'accordo per l'ente l'architetto Salvatore Napolitano, alla fine si tratta quasi di una resa senza condizioni dell'ente che si ritrova a perdere il bene e a pagare i danni sulle 20.000 euro ..