AMALFI NATALE NOTTE DELLA VITA DELLA CURIA CON LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI COLAVOLPE

0

Natale di solidarietà, la Curia arcivescovile di Cava-Amalfi ribadisce il significato religioso di una festa che sempre più si veste di toni effimeri, cedendo alle esigenze del consumismo. «Natale, notte della vita» questo è il tema e lo spirito dell’iniziativa dell’arcivescovo metropolita Orazio Soricelli, nell’ambito del grande evento del Simposio nazionale della Cultura. L’appuntamento è per domani, alle 19, nella storica cattedrale di Amalfi dove sarà consegnata la “Stella di Tabor” ad illustri personalità del mondo della scienza e della ricerca: l’attestato a quanti si adoperano per la vita, ma anche l’occasione per fare il punto sulle nuove scoperte e parlare di bioetica. Tra gli operatori e comunicatori della scienza e della ricerca che onorano l’Italia saranno presenti ad Amalfi: Andrea Ballabio dell’Università Federico II e direttore del Tigem di Napoli; Alfredo Berardelli, ordinario di Neuroscienze alla Sapienza di Roma; Gerardo Botti, direttore centro di Anatomia patologica del Pascale di Napoli; Luigi Cervo, ricercatore al Mario Negri di Milano; Antonio Iavarone e Anna Lasorella, ricercatori alla Columbia University di New York; Pier Giorgio Pellicci, direttore del Centro sperimentale oncologico dell’Istituto europeo oncologico di Milano; Eugenio Sangiorgi, ricercatore dell’équipe del Nobel Capecchi alla Cattolica di Roma; Bruno Silvestrini, ordinario di Farmacologia alla Sapienza di Roma; Antonio Simeone, direttore del Centro di tecnologie avanzate Ceinge di Napoli; Paolo Stanzione, ordinario di Neurologia all’Università Tor Vergata di Roma; Riccardo renzi, direttore del Corriere della Sera “Salute” per la comunicazione medico-scientifica. La serata, presentata dall’attore Antonio Angrisano, sarà allietata dai Solisti del teatro San Carlo di Napoli. Domenica alle 11, nella Basilica museale del Crocifisso di Amalfi sarà inaugurata la Casa editrie «Ediduomo» dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’ Tirreni. Il battesimo avverrà con la presentazione del libro dello studioso amalfitano Enzo Colavolpe dal titolo «La malattia dei grandi». La prefazione è di Umberto Veronesi, Alfredo Berardelli, Orazio Soricelli e Leonardo Stancati. L’attore Antonio Angrisano ne leggerà alcuni brani, accompagnato da musica barocca. Un grande sforzo organizzativo questo che vede in prima linea la Chiesa che sta dimostrando coraggio nell’affrontare ed approfondire, con il sano confronto, il tema scienza-etica.