Napoli perfetto per 80 minuti -poi succede l´incredibile

0

 E’ sicuramente tra le partite che resteranno per molto tempo, forse per sempre nella mente dei tifosi. A Cagliari il Napoli gioca una gara perfetta fino al 75′, poi succede l’incredibile. Azzurri in vantaggio di due gol con una rete per tempo che portano le firme di Lavezzi e Pazienza. Nel primo tempo il Napoli parte sornione, ma si porta in vantaggio grazie ad un gran guizzo di Lavezzi che batte Marchetti con un tiro dal limite. Nella ripresa gli azzurri cercano insistentemente il raddoppio e alla fine lo trovano meritatamente con Pazienza. La partita sembra ormai chiusa ed il Cagliari non mostra alcun segno di reazione. Poi, però, succede l’incredibile

Dal 75′ minuto in poi, però, inizia un’altra gara. Tutto comincia con il gol di Larrivey. L’argentino sfrutta al meglio un cross di Matri dalla sinistra e batte De Sanctis. Un gol che Larrivey non trovava in Serie A da tempo e che forse non troverà ancora per tante partite. Il Cagliari accorcia le distanze e inizia a crederci. Passano solo quattro minuti dal pareggio di Larrivey e Matri trova un’incredibile torsione di testa che si infila esattamente nell’unico punto dove De Sanctis non può arrivare: sotto la traversa. Pareggio del Cagliari. Il Napoli, però, non si scoraggia e a cinque minuti dalla fine va vicinissimo al nuovo vantaggio ancora con Pazienza. Il centrocampista azzurro colpisce bene di testa in mezzo all’area, ma sulla linea ancora Larrivey salva fortunasamente con l’interno della coscia. Gol sbagliato, gol subito. All’89’ Jeda entrato un minuto prima trova il gol vincente con un colpo di testa che si tocca il palo ed entra in rete. Cagliari in vantaggio incredibilmente ad un minuto dalla fine. La partita si innervosisce. Massimiliano Allegri, che è un allenatore e non un giocatore ventenne, allontana il pallone che transita dalle sue parti per perdere tempo. Lavezzi, che invece è un giocatore ventenne e a volte lo dimostra, lo va a colpire con una pallonata. Espulso l’argentino e Napoli con un uomo in meno e sotto di un gol nei minuti di recupero.

Cagliari – Napoli: le pagelle

DE SANCTIS 6 – Non ha colpe su nessuno dei tre gol subiti. Nel primo tempo salva il Napoli con una bella uscita su Cossu. Disturbato varie volte da un laser proveniente gli spalti. Sbaglia alcuni rinvii.

GRAVA 6,5 – Prezioso con le sue chiusure. Al 95′ mette in mezzo un ottimo cross da cui nasce la rete di Bogliacino.

CANNAVARO 6 – Vince quasi sempre i contrasti con Matri. Quasi sempre. Gioca una buona gara.

ARONICA 5 – Nel finale è inguardabile. Ha sulla coscienza due dei tre gol subiti dal Napoli. Non è in ottima forma. Ha sbagliato le ultime tre gare perdendosi soprattutto negli ultimi minuti.

MAGGIO 5,5 – Grande movimento sulla fascia destra. Soffre in alcune occasioni Agostini. Si rende varie volte pericoloso, ma non trova mai il guizzo vincente.

GARGANO 6 – Non si ferma mai e recupera tantissimi palloni. Tanti però ne perde, ma alla fine è comunque prezioso come sempre.

PAZIENZA 7 – Segna un gol, un altro lo sfiora. Va vicinissimo alla doppietta, ma il buon voto è per la prestazione e non per la rete.

ZUNIGA 6 – Tanto impegno sulla fascia sinistra dove non è a suo agio. Il compitino comunque lo fa piuttosto bene.

HAMSIK 6,5 – Si prende sulle spalle il Napoli ad inizio ripresa e va più volte vicino al gol. Regala a Maggio un paio di ottimi assist che però non vengono sfruttati al meglio.

QUAGLIARELLA 6 – E’ in vistosa crescita. Fa tanto movimento e prova varie volte il tiro. Trova anche il gol, ma in posizione di fuorigioco. 

LAVEZZI 6,5 – Nel primo tempo è devastante. Sfugge a tutti e trova un gol da vero fuoriclasse. Nel secondo tempo continua nella sua ottima gara. Poi nel finale si rende protagonista di un gesto folle colpendo Allegri con una pallonata. Espulso verrà probabilmente squalificato almeno per due giornate.

BOGLIACINO 7 – Entra a pochi minuti dalla fine e segna un gol importantissimo che permette a Mazzarri di mantenere la sua imbattibilità sulla panchina azzurra e al Napoli di continuare nella sua striscia positiva.

DENIS 6,5 – Entra nel finale ed è ancora decisivo. E’ suo il colpo di testa che costringe Marchetti alla respinta corta da cui nasce la rete di Bogliacino. 

Lavezzi: “Allegri mi ha dato del terrone”

L’episodio al 93′ di Cagliari – Napoli. Gli azzurri sono sotto di un gol e Lavezzi si precipita verso la panchina del Cagliari per recuperare un pallone che, ovviamente, i rossoblu non rimettono in gioco. Allegri, chissà perchè, se la prende, manda a quel paese l’attaccante napoletano e lo etichetta con una parola che una persona che si definisce gentiluomo non dovrebbe mai dire: “Mi ha dato del terrone – riferisce infatti lo stesso Lavezzi – Così ho perso la calma”. Lavezzi andrà poi a colpire l’allenatore rossoblu con una pallonata, un gesto in ogni caso ingiustificabile e che gli procurerà almeno due giornate di squalifica. 

 

CLASSIFICA

  In Casa   Completa Fuori Casa
    PT G V N P DR
INT INT 36 16 11 3 2 21
MIL MIL 31 16 9 4 3 6
JUV JUV 30 16 9 3 4 10
PAR PAR 28 16 8 4 4 3
ROM ROM 25 16 7 4 5 3
SAM SAM 25 16 7 4 5 -2
BAR BAR 24 16 6 6 4 4
CHI CHI 24 16 7 3 6 3
FIO FIO 24 16 7 3 6 2
GEN GEN 24 16 7 3 6 1
NAP NAP 24 16 6 6 4 0
CAG CAG 23 16 7 2 7 4
PAL PAL 23 16 6 5 5 1
UDI UDI 18 16 5 3 8 -2
LAZ LAZ 16 16 3 7 6 -6
BOL BOL 16 16 4 4 8 -7
LIV LIV 15 16 4 3 9 -11
ATA ATA 13 16 3 4 9 -10
SIE SIE 12 16 3 3 10 -10
CAT CAT 9 16 1 6 9 -10

foto e testo napolipress   michele de lucia