Costiera Amalfitana a Maiori bocciato il referendum sul parcheggio. VIDEO

0

Il primo referendum della storia della costiera amalfitana non passa lo scoglio del quorum. Salvo quindi il project financing che prevede parcheggi al posto della scuola a Maiori, una vicenda dibattuta dalla politica ma poco percepita dai cittadini. Al voto sono andati 1364 cittadini, pari al 25,9% dell’elettorato ed hanno votato tutti siì Chiara la scelta della maggioranza di spingere all’astensione con lo scopo di non far raggiungere il quorum. Il referendum voluto da un comitato vicino a Civitas era il primo esperimento di volontà popolare diretta fatto nella costa d’Amalfi. Le votazioni si sono svolte nei seggi che sono stati allestiti nelle stesse sedi utilizzate per lo svolgimento di tutte le altre elezioni dalle 8 alle 20. Affinché la votazione fosse valida era necessario che andasse alle urne almeno il 50 per cento più uno degli aventi diritto. Il referendum viene a pochi mesi dalle elezioni e potrebbe essere considerato anche una specie di test elettorale, ma il sentore che il quorum non sarebbe stato superato si è sentito già nell’aria. Una preoccupazione, quest’ultima, più volte espressa dal fronte del “sì”, che temeva che gli abitanti potessero farsi sfuggire dalle mani un diritto così importante. Anche perché, a detta del comitato promotore del referendum, che ha portato avanti la battaglia, «attraverso questo strumento democratico, i maioresi potranno decidere in merito a una operazione speculativa che condizionerá lo sviluppo socio culturale delle generazioni future e del paese in generale». Ciò che, infatti, viene contestato all’Amministrazione comunale, è la circostanza di aver “sponsorizzato” il progetto senza tener conto della reali esigenze della popolazione. Il project financig “incriminato” prevede, al posto dell’immobile, che attualmente ospita le Elementari, la costruzione di 120 box, di una palestra, di circa cento posti auto e di un chiosco bar. Il nuovo edificio scolastico, invece, dovrebbe sorgere accanto a quello delle Medie “in una zona dove non di rado il costone roccioso è franato” come ha sottolineato, più volte, il gruppo di opposizione consiliare Civitas, capitanato da Antonio Della Pietra, che ha portato a termine l’iter per la consultazione popolare. I garage potranno essere venduti liberamente, mentre per il parking spetterebbe, sempre ai privati, la gestione per 99 anni. In primo piano il commento del professor Liuccio

SERVIZIO VIDEO SUL REFERENDUM DI MAIORI