Napoli, ecco le luminarie di Natale

0

 Tecnologia led e basso consumo energetico, il 70% in meno rispetto alle normali lampade incandescenti. Con un occhio all’estetica e uno all’ambiente, sono entrate in funzione nel pomeriggio le luminarie che fino al 6 gennaio addobberanno a festa le strade del centro e quelle più commerciali di Napoli (da Chiaia al Vomero), per un totale di venti chilometri. Costo complessivo dell’operazione, realizzata sotto la regia dell’Ept di Napoli, circa 550.000 euro, tutti fondi Ue. La gestione dell’impianto, invece, è stata affidata alla società francese Citelum di Parigi, la stessa che dallo scorso novembre cura l’illuminazione pubblica a Napoli e non è un caso che le luminarie, bianco, rosso e blu i colori dominanti, siano dello stesso tipo di quelle utilizzate nella capitale francese. «È una piccola scommessa – dice l’amministratore dell’Ept partenopeo Dario Scalabrini – fino all’anno scorso dell’installazione delle luminarie si occupavano i commercianti in modo autonomo, finendo spesso per esibire le strette imposte dalle aziende private che vincevano gli appalti. Così garantiamo trasparenza, tramite una gara, e una regia unica. Sappiamo che non tutti i commercianti sono soddisfatti della selezione delle strade prescelte per l’illuminazione, ma è un primo passo. L’anno prossimo faremo meglio». «È stato uno sforzo notevole – spiega il direttore operativo della Citelum, Pasquale Citro – abbiamo impegnato trenta addetti su tre turni di lavoro, 800.000 led e 1200 pezzi. Il tutto con un occhio alla spesa, grazie ai bassi costi di manutenzione e consumi. Il materiale impiegato è lo stesso che utilizziamo per l’illuminazione pubblica di Parigi e i costi di molto inferiori a quanto spende una città come Salerno».
Soddisfatti i commercianti di Chiaia: «La novità della regia unica – dice Salvatore Senese, presidente del centro commerciale Chiaia – è molto positiva, finalmente abbiamo un’illuminazione di respiro internazionale». Nei prossimi giorni altre strade, al momento escluse dal piano di addobbi, verranno illuminate: si tratta di Via Alabardieri, Via Carlo Poerio, delle rampe di via Morghen e di Corso Garibaldi. Dell’addobbo complessivo fanno parte anche due alberi di Natale, anch’essi illuminati con i led, uno collocato a via Chiaia, l’altro a via Duomo. «Un terzo – annuncia Scalabrini – verrà messo domani all’interno della Galleria Umberto». Purtroppo si registra anche un primo e isolato episodio di inciviltà: i cavi che servivano per illuminare via San Biagio dei Librai sono stati rubati determinando un ritardo nell’illuminazione della via.

Fonte: ilmattino.it   inserito da michele de lucia