LA CASA MUSICALE LOMBARDO, MILANO E L’ASSOCIAZIONE EVENTI 2000, NAPOLI- PRESENTANO LOMBARDO VITA & OPERE.

0

IMPORTANTE EVENTO CULTURALE

 

 

COMUNICATO STAMPA

La  CASA MUSICALE  LOMBARDO, Via Pietro Mascagni, 9 Milano  e L’ASSOCIAZIONE CULTURALE EVENTI 2000,  via E. Pessina 66  Napoli, in collaborazione con il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella di Napoli, presentano“CARLO LOMBARDO Vita & Opere” , Padre dell’Operetta Italiana -e gli altri compositori dell’epoca, in occasione del 50° Anniversario della Sua scomparsa

Napoli ne celebra il ricordo. Un percorso storico e musicale attraverso le arie più belle melodiose ed accattivanti dell’Operetta Italiana con accenni a quella straniera.

14 dicembre 2009 –  Ingresso libero – Sala Martucci, Conservatorio di Musica San Pietro a Majella

Via San Pietro a Majella 35- 80138 Napoli.

Per la prima volta a Napoli, una giornata intera, Conferenza Stampa, Proiezioni, Concerto al piano, renderà omaggio al M° Carlo Lombardo, Padre dell’Operetta italiana.

L’evento -“CARLO LOMBARDO Vita & Opere”, Padre dell’Operetta Italiana e gli altri compositori dell’epoca è  un’anticipazione del Festival Internazionale dell’Operetta che si svolgerà a Napoli nel 2010.

In stretta collaborazione con l’Associazione artistica e culturale EVENTI 2000 e il prestigioso Conservatorio di Musica San Pietro a Majella di Napoli, gli uffici della Casa Musicale Lombardo, hanno ripreso e analizzate arie nascoste negli archivi storici della Sede e, ripropongono nelle Proiezioni e poi nel Concerto il patrimonio musicale che ritraccia i momenti musicali principali e gli aspetti della vita di Lombardo, da giovane direttore d’orchestra, ad autore e compositore già di talento nella Napoli di Salvatore di Giacomo, attraverso gli inizi a Milano come noto impresario teatrale, fino ad arrivare ad essere il più grande editore di operette italiane in Italia e nel Mondo.

Le sue favole esprimono la preoccupazione degli anni bui fra le due guerre, ma nello stesso tempo hanno fatto divertire queste generazioni, hanno contribuito a condurre  il pubblico a superare il secondo conflitto, con il ricordo delle serate di spettacoli di Lombardo in tour per tutti i Paesi.

Lungimiranza di un impresario che porta per primo il charleston in Italia, e fa comparire le prime “girls” nei suoi balletti strabilianti.

Capacità di attirare a sè in collaborazione nomi noti della scena musicale europea come  Franz Lehar, Pietro Mascagni, Renato Simoni, il librettista della “Turandot” di Puccini, Giuseppe Adami. Puccini stesso doveva musicare “Il Paese dei Campanelli”, se la salute non l’avesse abbandonato. Oggi l’operetta italiana è ancora presente in molti teatri nazionali ed internazionali.

Tuttavia la favola di cui Carlo Lombardo è il protagonista è certamente una delle più originali, perchè è l’ultima dei tempi passati e la prima dell’epoca moderna aprendo le porte al Musical.

Il visitatore nelle Proiezioni sarà immerso nei ricordi degli anni della Belle Epoque, scoprendo versi, brani, poesie, significati, messaggi.

Tutto ciò dovrebbe permettere di ritrovare questo patrimonio immenso, di nascita napoletana, che ha percorso la sua giovinezza tra i banchi del Conservatorio San Pietro a Majella, e ha vissuto nel mondo.

Lascerà questo mondo nel 1959, a 90 anni, il suo operato l’ha iscritto nella Storia, conferendogli il risalto intemporale delle favole, come quelle che lui ha scritto, ma regalerà alla storia della musica le sue melodie e i suoi racconti.

E per ultimo, forse la cosa più importante, lascerà all’Italia la STORIA DELL’OPERETTA ITALIANA.

        

Carlo Lombardo era un uomo che viveva instancabilmente senza mai cessare di rinnovarsi. Non si limitava a scrivere, egli  “fabbricava” le operette, come si fabbricano gli orologi, i mobili e gli autocarri; si associava a un librettista suggerendogli una trama di sua invenzione; si associava a un impresario dividendo con lui la gloria di un lavoro.

 

Ufficio Stampa: CASA MUSICALE LOMBARDO   www.lombardoeditore.com

Contatti  333/2844066; lombardo.operette@libero.it

 

Inserito da Ufficio Stampa della Eventi 2000

Alberto Del Grosso-Giornalista Fotoreporter  

Accademico di Europa 2000

serviziostampa1@virgilio.it