Massa Lubrense. Vandali alla scuola media, il preside chiede videocamere

0

Atti vandalici alla scuola media Costanzo Pulcarelli, sede di Sant’Agata sui due Golfi dell’istituto comprensivo Luigi Bozzaotra: tagliati i pneumatici di uno scuolabus, imbrattate le pareti esterne con scritte offensive verso alcuni docenti e deturpate le aiuole circostanti l’edificio. Nel giro di una settimana, per due notti, anonimi «writer» hanno preso di mira la moderna struttura di via Reola per esprimere il loro dissenso nei confronti dell’istituzione «scuola». La prima volta, dopo aver scavalcato il cancello d’ingresso dell’edificio, i vandali si sono limitati a coprire alcuni muri perimetrali con semplici graffiti inneggianti alla bellezza delle alunne più ambite, cancellati dagli operai del comune di Massa Lubrense. Poi, considerando che il caso era passato quasi inosservato, l’altra notte sono tornati alla carica con maggiore determinazione ed hanno manifestato il loro dissenso con epiteti diffamatori verso taluni docenti ed aggettivi elogiativi verso altri. Non contenti del raid alle pareti della scuola, hanno tagliato i pneumatici di uno degli scuolabus parcheggiati all’interno del piazzale antistante l’edificio e amputato i fiori dalle aiuole. Il dirigente scolastico Nicola Palma ha effettuato un sopralluogo per raccogliere elementi utili ai fini della denuncia presentata presso la stazione dei carabinieri, ma anche per valutare la portata dei danni per sostenere con adeguate motivazioni la richiesta all’amministrazione comunale di avviare le procedure per l’installazione di videocamere. «Ora basta – protesta Palma – perché considerato frutto della esuberanza di alcuni ragazzi. Ma ora basta. Occorre che accanto ai sistemi di videosorveglianza per la tutela dell’onorabilità dei docenti e del personale scolastico e per la salvaguardia del patrimonio edilizio e didattico della scuola ci sia una maggiore attenzione delle famiglie». (Gennaro Pappalardo – Il Mattino)
inserito da A. Cinque

Lascia una risposta