PIANO DI SORRENTO, CASCETTA INAUGURA IL PORTO DI MARINA DI CASSANO. FOTO E VIDEO

0

Cascetta inaugura il porto di Piano di Sorrento e prospetta anche il futuro della viabilità in Penisola Sorrentina, un ampio servizio di positanonews, la testata online della costiera amalfitana e penisola sorrentina, con allegate foto e video. “Anche al sud facciamo qualcosa a dispetto di tutti quelli che dicono che i finanziamenti europei vengono sempre spesi male al sud”. L’assessore alla Regione Campania Ennio Cascetta è intervenuto a chiusura di una serie di interventi di un parterre politico particolarmente nutrito questa sera e in questo momento – mentre positanonews scrive – è sceso per l’ascensore lungo 55 metri e sta inaugurando il nuovo porto di Marina di Cassano a Piano di Sorrento. “Mi sento della penisola sorrentina – ha detto Cascetta – mi ricordo ancora quando con la vespa venivo a prendere il gozzo per andare con diverse persone che vedo anche in sala, ma il porto era impresentabile a chi non era del posto, voglio che i porti siano non semplici parcheggi ma occasione di sviluppo economico del territorio, voglio che qui ci vengano milanesi, ma anche spagnoli e francesi, che questo posto si sviluppi economicamente e socialmente. Per il porto di Marina di Cassano la Regione Campania in questi anni ha investito più di sette milioni e mezzo di euro di fondi europei di propria competenza. E’ stato messo in sicurezza il litorale con il borgo circostante, si è riqualificato il porto, si sono potenziate e adeguate le strutture a servizio del diportismo nautico e l’impianto di ascensore”. Lo ha detto l’assessore ai Trasporti della Regione Campania, Ennio Cascetta, intervenendo all’inaugurazione del porto turistico di Marina di Cassano a Villa Fondi a Piano di Sorrento (Napoli).

“Ora lo scalo – ha aggiunto – è finalmente una infrastruttura di primo livello, che fornisce tutti i servizi utili ai diportisti e agli altri turisti della zona e contribuirà certamente allo sviluppo economico e occupazionale di Piano di Sorrento”
. A dieci anni dall’ultima mareggiata che devastò il borgo marinaro danneggiando barche ed abitazioni, si inaugura il nuovo approdo di Marina di Cassano. Non a caso «Sicurezza, ordine e qualità» sono le parole d’ordine scelte dal sindaco Giovanni Ruggiero per il taglio del nastro che, dopo  una conferenza a Villa Fondi, ha visto il brindisi in riva al mare alla presenza dell’assessore regionale ai trasporti Ennio Cascetta. A intervenire oltre ai tecnici ed al sindaco Ruggiero, anche il capogruppo di opposizione Gianni Iaccarino che ha ricordato alcuni punti di contrasto con la maggioranza ma ha anche evidenziato la volontà di tutti per la realizzazione del porto. «L’inaugurazione sarà l’occasione per ribadire le nostre richieste: tariffe agevolate per i residenti, uso della scogliera per la balneazione con criteri di pubblica utilità, superamento del monopolio gestionale degli approdi e recupero dell’intero borgo», come aveva anche detto – sottolinea – il leader del movimento civico Gaetano Maresca.
Sul palco si sono alternati il sindaco di Ercolano Nino Daniele, l’architetto Brunella Rallo, il progettista Giustiniano Caggiano, l’ex sindaco di Piano Luigi Iaccarino, l’ex consigliere comunale Raffaele Esposito, metre il consigliere regionale Antonio Amato era occupato in consiglio per il Piano Casa ed il responsabile dell’ufficio tecnico comunale Graziano Maresca ha parlato di sviluppi futuri: “Un  parcheggio con ascensore per mezzi elettrici che raggiungerà Marina di Cassano attraverso un lungo tunnel senza farsi le lunghe tese di Cassano. L’intervento appena realizzato sarà completato ed integrato con una serie di opere a terra tra le quali di primaria importanza è la ristrutturazione delle rampe di accesso alla marina ed il ripascimento del litorale per arginare il fenomeno dell’erosione marina”. Nel dettaglio il progetto di riqualificazione, costato complessivamente circa cinque milioni di euro, ha comportato l’adeguamento del molo e della banchina di sopraflutto che è stata allungata di circa 90 metri, passando dai precedenti 290 metri ai definitivi 380 metri. È stata invece realizzata ex novo la banchina di sottoflutto che si protende in mare per poco più di cento metri, perpendicolarmente alla linea di costa. Per difendere l’arenile dal fenomeno dell’erosione, inoltre, sono stati anche eseguiti interventi per l’ampliamento della scogliera. Infine, il piano di recupero prevede la bonifica e lo scavo dei fondali antistanti l’area portuale, la ristrutturazione della banchina di pesca, degli ormeggi e dei locali di ricovero per reti e attrezzature. Dunque, per la prossima stagione turistica, considerato che sono stati ultimati anche gli interventi di pavimentazione delle banchine e di allestimento delle infrastrutture, il nuovo porticciolo di Marina di Cassano sarà pronto ad ospitare i diportisti locali e quelli in transito, ma dopo la festa si annunciano comunque le contestazioni di ambientalisti e del WWF che lamentano il rischio idrogeologico delle nuove opere previste e delle opposizioni che annunciano battaglia sulla gestione della struttura.

L’On. Ennio Cascetta ha tenuto a battesimo il porto di Marina di Cassano tra centinaia di ospiti, esponenti del mondo politico e istituzionale, il Procuratore Capo della Repubblica di Napoli Amedeo Lepore, forze dell’ordine, sindaci dei comuni peninsulari. Quello pronunciato da Cascetta non è stato solo un intervento di circostanza, ma la presentazione delle politiche di sviluppo e di mobilità in Penisola Sorrentina.
“Per il porto di Marina di Cassano la Regione Campania in questi anni ha investito più di sette milioni e mezzo di euro di fondi europei di propria competenza. E’ stato messo in sicurezza il litorale con il borgo circostante, si è riqualificato il porto, si sono potenziati e adeguati le strutture a servizio del diportismo nautico e l’impianto di ascensore. Ora lo scalo è finalmente una infrastruttura di primo livello, che fornisce tutti i servizi utili ai diportisti e agli altri turisti della zona, e contribuirà certamente allo sviluppo economico e occupazionale di Piano di Sorrento“.
1. I PORTI TURISTICI
“Un’opera importante di riqualificazione e rilancio di una delle più belle zone del nostro territorio, che rientra nel programma regionale integrato di sviluppo della portualità turistica della Campania, e che prevede un investimento complessivo di circa 700 milioni di euro, di cui circa 300 pubblici.
Tra il 2000 e il 2009 l’offerta di posti barca è passata nella nostra regione da circa 12mila a quasi 18mila, con un incremento quindi di circa 6.000 posti barca.
Finora, per i porti della penisola sorrentina dal 2002 abbiamo speso complessivamente circa 20 milioni di euro di fondi europei e regionali.
Due anni fa abbiamo inaugurato fa il prolungamento di 44 metri del molo di sopraflutto di Marina Piccola a Sorrento. Lavori che – finanziati per 6,5 miliardi di vecchie lire – erano stati sospesi nel 1999 a causa di un contenzioso con l’allora impresa esecutrice, e ripresi ad ottobre 2004 anche grazie all’intervento della Regione, che ha consentito di sanare il contenzioso e di approvare una perizia di variante del valore di 1,8 milioni di euro per il completamento dei lavori. Un’opera fondamentale, che ha consentito di razionalizzare gli spazi del porto, destinati ai collegamenti marittimi merci e passeggeri.
Sempre sul porto di Sorrento, sono stati realizzati altri 7 interventi per circa 7 milioni di euro, di cui oltre 6 milioni di fondi regionali del POR, sia su Marina Grande che Marina Piccola, dal recupero dell’arenile al rifacimento della pavimentazione, dalla riqualificazione delle banchine, all’adeguamento del pontile per le crociere. Abbiamo erogato oltre un milione di euro di fondi europei del vecchio POR per adeguare lo scalo di Seiano-Vico Equense (Marina di Aequa), una delle fermate del metrò del mare, e Marina di Vico, con interventi di messa in sicurezza, riqualificazione dei pontili ed escavo. E, sempre in penisola sorrentina, abbiamo erogato altri 3 milioni circa per l’adeguamento e la messa in sicurezza di Marina della Lobra e Marina di Puolo a Massalubrense.
Oltre agli interventi sulla penisola sorrentina, in questi anni abbiamo attivato il porto di Sancio Cattolico a Procida, la grande Marina di Stabia, a Castellammare, da oltre mille posti barca, il porto di Acquamorta a Monte di Procida e quello di Maiori.
Abbiamo potenziato, riqualificato e messo in sicurezza numerose “fermate” del metrò del mare, da Acciaroli a Casal Velino, da Sapri ad Amalfi e Positano, fino al vecchio approdo borbonico di Ercolano-Villa Favorita.
Sono poi in corso, in fase di avvio o di completamento altri importanti lavori per 367 milioni di euro di investimenti, tra cui quelli per le grandi “Marine” di Arechi e Pastena a Salerno, Pinetamare a Castel Volturno, Vigliena a Napoli.
Opere che produrranno altri 3.300 posti barca, in grado di generare 2.600 nuovi posti di lavoro, tra addetti diretti per le attività degli scali e occupati nell’indotto commerciale e turistico.

2. LE CORSE STRAORDINARIE NAPOLI-SORRENTO
Non solo porti turistici, comunque: tanti altri progetti si sono conclusi o sono in corso, infatti, per la penisola sorrentina.Appena pochi giorni fa in Giunta abbiamo approvato l’indizione di una gara per l’affidamento di quattro coppie di servizi minimi di collegamento marittimo per il trasporto di veicoli e passeggeri sulla rotta Napoli-Sorrento, e di una coppia di corse sulla rotta Castellammare-Sorrento.
L’istituzione di questo nuovo servizio di trasporto via mare si è reso necessario per ridurre i disagi causati dalla chiusura al traffico della galleria di Seiano sulla strada statale 145 (“sorrentina”), avvenuta il 22 ottobre scorso per urgenti lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza da parte dell’Anas.
La gara sarà avviata nei prossimi giorni dall’Assessorato ai Trasporti della Regione Campania, per un importo massimo di 1,3 milioni di euro di fondi regionali.
Le corse verranno effettuate tutti i giorni, tranne la domenica e gli altri giorni festivi, fino al 31 marzo 2010 (data prevista per la riapertura della galleria di Seiano sulla “sorrentina”), con facoltà per la Regione di autorizzare un prolungamento per un periodo non superiore a due mesi, in caso di motivata necessità. Previsti sconti per i residenti della penisola sorrentina.

3. IL METRÒ DEL MARE
Da poco si è conclusa la nona edizione del metrò del mare, che ha nei porti della penisola sorrentina alcune delle fermate più frequentate e di successo.
Quest’anno sono stati infatti in tutto ben 50mila i passeggeri del metrò del mare sui porti sorrentini (Sorrento, Seiano, Marina della Lobra, Nerano), ossia circa il 25% del totale.
Sorrento, in particolare, è stato il primo porto in assoluto, con oltre 43.700 viaggiatori, superando persino il molo Beverello di Napoli.
Un successo che ha premiato le nuove iniziative del metrò del mare istituite quest’anno nella zona, ossia:
• il “Sorrento by night”, 6 corse dirette notturne Napoli-Sorrento (3 andata e 3 ritorno), tutti i fine settimana, che ha trasportato 3.300 passeggeri;
• il “Coast Punta Campanella”, collegamento del metrò del mare con escursione guidata con barche ecocompatibili per Marina della Lobra, Puolo, la riserva marina di Punta della Campanella, la Baia di Ieranto e la marina del Cantone, che ha trasportato 1.000 persone;
• la linea MM7, che ha messo per la prima volta in collegamento diretto la costiera sorrentina e quella flegrea, e che ha registrato altri 3mila viaggiatori.

4. UNICOSTIERA
Altro successo ha poi avuto “Unicocostiera”, il sistema integrato di trasporti istituito proprio qui e nell’area amalfitana per l’estate, che prevede il potenziamento dei collegamenti su gomma e su ferro e un biglietto integrato che permette di viaggiare nell’area della penisola a bordo dei bus e dei treni delle società SITA, EAVBUS e Circumvesuviana.
Nel 2009 il sistema ha trasportato 21.600 viaggiatori, con un aumento del 14% rispetto al 2008 (+38% di biglietti venduti), e del 30% rispetto al 2006.
Dal 1° novembre scorso, dunque, abbiamo deciso di estendere il sistema al periodo invernale, per cui sono rimasti in funzione:
ƒÜ il prolungamento di tutte le corse della linea A (Meta – Sorrento Capo) fino a Massalubrense (così come avveniva già questa estate);
Ć il potenziamento della linea Amalfi РPositano РSorrento via Meta;
Ć il potenziamento dei collegamenti Amalfi РMaiori.
Dal 23 novembre, inoltre, sarà riattivato il prolungamento di tutte le corse della linea A (Meta-Sorrento Capo) fino a Massalubrense, effettuate da EAVBUS.
Nell’area di UNICOCOSTIERA sono e saranno impiegati, nel pieno rispetto dell’ambiente, 14 nuovi bus di ultima generazione, con emissione inquinante bassissima, e ben 12 bus elettrici ad emissione zero.

5. I NUOVI TRENI METROSTAR
A proposito di Circumvesuviana, da poco sono entrati in esercizio i primi due degli otto nuovi treni METROSTAR a 72 posti sulla Napoli-Sorrento (e sulla Napoli-Nola-Baiano), dotati di tutti i comfort e dell’aria condizionata.
I Metrostar a 72 posti si aggiungono ai 16 nuovi treni a 48 posti a sedere, utilizzati sulle tratte di tipo metropolitano, per un totale di 18 nuovi treni.
La fornitura completa, che prevede in tutto 26 Metrostar, procede, così come previsto, e si concluderà entro febbraio del prossimo anno.
Da giugno abbiamo poi potenziato il servizio con una coppia di treni direttissimi Napoli-Sorrento via Centro Direzionale, e ne abbiamo aggiunto uno Torre del Greco-Napoli che, partendo 3 minuti dopo del direttissimo, evita un eccessivo affollamento del Napoli-Sorrento.

6. IL COLLEGAMENTO SORRENTO-MARINA PICCOLA
Per quanto riguarda le infrastrutture, abbiamo di recente finanziato con 11 milioni di euro di fondi europei del nuovo POR 2007-2013 il collegamento meccanizzato (tramite ascensori e tapis roulant) tra il centro di Sorrento e la Marina Piccola, che rappresenta il secondo lotto di un progetto già in corso per la realizzazione di un parcheggio multipiano interrato da 400 posti auto con relativa riqualificazione dell’area con interventi a verde e servizi.
Il progetto prevede a Marina Piccola anche il recupero e la trasformazione dell’area antistante l’ingresso del collegamento in piazzetta attrezzata con piante, nuova illuminazione pubblica e altri interventi di arredo urbano.

7. ADEGUAMENTO STAZIONI CIRCUMVESUVIANA
A ottobre scorso abbiamo finanziato con 3 milioni di euro un programma di adeguamento di 40 stazioni della Circumvesuviana, tra le quali anche Vico Equense, Meta, Piano e Sorrento, che prevede il rifacimento delle facciate, dei sottopassi, dei soffitti e dei servizi, a cui saranno aggiunti nuovi percorsi di luce.

8. LA FUNIVIA SORRENTO-SANT’AGATA
Sempre a ottobre, abbiamo finanziato la progettazione definitiva del primo lotto del collegamento funiviario tra Sorrento (stazione Circumvesuviana) e S. Agata sui Due Golfi (località Nastro Azzurro), con fondi europei del nuovo POR per 1,1 milioni.

9. IL RESTYLING DELLA STAZIONE DI SORRENTO
E’ previsto poi il restyling completo della stazione di Sorrento di cui è in corso la progettazione.
Un terminal importante per il sistema di metropolitana regionale, dove ogni anno transitano ben 3 milioni di passeggeri, e che diventerà un vero e proprio polo urbano di trasporto intermodale.
Prevista anche la pedonalizzazione di piazza De Curtis, un parcheggio interrato multipiano per auto e moto, un nuovo terminal bus, una nuova hall della stazione con centri servizi (bar, ristorante, edicola, internet point), una galleria espositiva, un museo ferroviario.