RAVELLO PROBLEMA PARQUET E RIFINITURE ANCORA NON COMPLETATO L´AUDITORIUM DI NIEMAYER

0

Positanonews, come fa sempre, si è recato per un sopralluogo all’auditorium Niemayer a Ravello in costiera amalfitana. Un impegno con i lettori che il quotidiano online della costa d’Amalfi e Sorrento sta mantendendo, quello di seguire passo passo e periodicamente la vicenda del più importante intervento strutturale nel campo del turismo e dello spettacolo avvenuto in costiera amalfitana. I lavori, era stato detto, sarebbero terminati prima della fine di novembre, ma slitteranno, addirittura forse anche oltre dicembre, mentre il Governatore della Regione Campania Antonio Bassolino dovrebbe inaugurarlo proprio a gennaio. Parliamo però, sia chiaro, delle rifiniture e del parquet, anche se lo stesso impianto elettrico non è stato completato, perchè si tratta di interventi di alto livello con materiale di qualità, almeno stando agli operai. Se proprio vogliamo far un paragone, pensiamo alle tante opere pubbliche sparse per l’Italia che non sono mai state completate, mentre qui l’opera, nonostante la miriade di problemi avuti, è completa e il rischio, se di rischio si può parlare, è solo per chi poi vorrebbe inaugurarla per una data precisa. Ma, alla fine, l’inaugurazione si farà comunque mentre è certo che per questa estate la struttura, a questo punto, sarà funzionalmente attiva. Funzionale e operativa la struttura lo sarà di certo, o quasi, dunque, ma lo stesso non può dirsi per la gestione. Infatti, nonostante tutto sia stato già predisposto, per l’accordo Fondazione – Comune a Ravello si respira ancora un’aria di incertezza. Il Comune sembra stia optando per l’ultima data utile per convocare il consiglio comunale -cioè il 30 di novembre o giù di lì – che dovrà deliberare per approvare definitivamente l’accordo. Poi chi vivrà vedrà, intanto i ravellesi già stanno cominciando ad organizzarsi con la realizzazione di nuovi spazi per l’ospitalità e in giro si vedono i marchi del consorzio Ravello Sense. La macchina si sta muovendo…
Michele Cinque

Lascia una risposta