PIANO DI SORRENTO, IL MARIANIELLO: IL LUOGO DI RITROVO DELLA PENISOLA SORRENTINA. VIDEO

0

Vi sono tanti luoghi di ritrovo per i giovani e meno giovani in penisola sorrentina, ma uno in particolare è diventato “il luogo” dell’area che va da Sorrento a Castellammare e Costiera amalfitana. Grazie alla dedizione, alla passione ed alla testardagine di Nello Russo quello che era un semplice bar è divenuto il “luogo” per eccellenza della musica alternativa e no (una volta si diceva “underground” oggi “indi”), diventando un riferimento in Campania. Così è stato sabato scorso, ma non solo, anche tutti i venerdì e oltre c’è qualche evento al Marianiello, che fa accorrere persone da Positano, Praiano, Amalfi, Sorrento, Massa Lubrense, Agerola,  Gragnano, Castellammare e dintorni, insomma l’area di riferimento della testata giornalistica online Positanonews.it, e qui possono gustare, in una atmosfera unica, sempre ricca di elementi artistici (mostre tutte di grande gusto, da fotografi e pittori di grande valore che sono presenti in maniera soprendente sul territorio) sia drink eccellenti, con una scelta accurata di beveraggi, che una cucina – nascosta in un angolo riservato del locale – veramente unica dello chef Ingemar Guida, originario di Vico Equense ad Arola a dispetto del nome (il padre è stato in Svezia e amava il grande sciatore nordico), che segue in maniera ortodossa la filiera stagionale del territorio (noi abbiamo assaggiato una spettacolare zuppa con ortaggi e castagne davvero memorabile). Anche il personale in sala è particolarmente preparato e sa suggerire il piatto giusto con il vino adatto. Un vero e proprio team quello del Marianiello, dal bar al ristorante alla gestione degli eventi con una squadra ad hoc e alla promozione degli stessi  con grafica accattivante, che ti permettere non solo di trascorrere sempre e comunque una bella serata, ma fa respirare la mente verso nuovi orizzonti non solo musicali, come si può vedere nel video di Diego Ambruoso con il quale abbiamo ascoltato insieme i KiddyCar gruppo di Arezzo nato nel 1998, e tra una cocktail e una birra, che anche si vedono, abbiamo apprezzato la musicalità e bravura di questo gruppo (“indi”, come mi hanno precisato) dalla voce, della straordinaria e bellissima attrice-cantante, a tutto il complesso. Le persone giuste nel posto giusto verrebbe da dire.
Michele Cinque