Positano. Garanzie per l´Influenza A H1N1: ma alle multinazionali.

0

Si è parlato tanto di Influenza A con casi anche a Positano in costiera amalfitana, come a Sorrento, Vico Equense, in Penisola Sorrentina e Castellammare, per parlare delle nostre zone. Positanonews, fermo restando che ognuno deve rivolgersi al proprio medico curante, invece di pubblicare il resoconto di quanti colpiti ci sono di influenza A in costa d’Amalfi preferisce pubblicare per scelta in rilievo questa interessante riflessione di Federico Tutino

 Garanzie per L’Influenza A H1N1: ma alle multinazionali.

Ecco i vari protogonisti di questo periodo: il virus A h1n1, da alcuni considerato comune alle altre ondate di influenza; il vaccino, prodotto da varie case farmaceutiche; il governo, che ha stipulato un contratto con una di queste grandi multinazionali. Ultimo protagonista, il denaro.

Inutile scrivere sulla possibilità di vaccinarsi o meno, giornali e telegiornali se ne occupano. Si occupano un po’ meno della pandemia delle grandi case farmaceutiche, in competizione frenetica fra loro mesi fa, per la corsa alla realizzazione del famigerato vaccino: quello prodotto dalla GlaxoSmithKein, è stato ad esempio bloccato da un’autorità svizzera sui farmaci, trattasi della SwissMedic, viene quasi da dire… chi va piano va sano e va lontano, ma l’odore dei soldi fa correre.

Per quanto attiene l’Italia, il governo ha stipulato un accordo con la Novartis, che si impegnava a fornire circa 24 milioni di dosi per un costo totale di 184.000.000,00 euro; all’interno del contratto vi sono delle piccole e dettagliate deroghe, di cui la Corte dei Conti, con Deliberazione n. 16/2009/P, chiede chiarimenti. Dall’Articolo 3.1 si evince che anche se la Novartis avesse consegnato il prodotto in ritardo (e l’ha fatto) non ci sarebbe stata nessuna pena e avrebbe comunque incassato tutti i 184 Milioni euro. Il primo e il secondo capo dell’Articolo 4 recitano che anche se ci fossero stati difetti di fabbricazione sarebbe stata la Novartis a giudicare l’efficacia del vaccino. L’articolo 10, al capo 2 considera Informazioni Riservate anche l’esistenza del contratto e le disposizioni in esso contenute, clausola in considerazione dell’evidenza pubblica della procedura impossibile da rispettare. L’articolo 11 afferma che il contratto stipulato manca di parere tecnico sul piano economico e che la Corte Dei Conti non può approfondire l’esame perché la trattativa è riservata e secretata, poiché la vicenda è stata messa alla stregua di calamità naturali (ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3275 del 28 marzo 2003).

Perché tutte queste garanzie alla Novartis? Perché postillare così tante deroghe a favore di questa multinazionale? ..E Noi paghiamo!

Federico Tutino