SALERNO, MUORE UN MUSICISTA DI 37 ANNI, E´ LA NONA VITTIMA IN CAMPANIA DI INFLUENZA A

0

Un musicista di 37 anni, Fernando Lettieri. affetto da influenza A, è morto la notte scorsa nell’ospedale San Giovanni di Dio Ruggi d’Aragona di Salerno, dove era ricoverato. Aveva problemi renali. In base al referto dei medici è morto in seguito ad una polmonite bilaterale. Lo rende noto l’assessorato regionale alla Sanità. Si tratta della nona persona morta in Campania dopo aver contratto il virus H1 N1. I morti in Italia salgono a 18. Il musicista morto si doveva sottoporre regolarmente a dialisi. La nona vittima del virus A H1 N1 in Campania proveniva da Altavilla Silentina, un piccolo centro ad una cinquantina di chilometri dal capoluogo. Al momento del decesso era ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale.

Appassionato di jazz, conosciuto da tutti, Fernando, 37 anni, la nona vittima campana dell’influenza A, suonava la tromba. Gravi problemi di salute, un trapianto al rene, da anni si sottoponeva alla dialisi. Ma nonostante questo, dicono nel Comune dove è nato e viveva, Altavilla Silentina, in provincia di Salerno, «viveva in pieno e con gioia la sua vita».

Una famiglia numerosa, sei figli, Fernando, per i suoi problemi di salute non era mai riuscito ad avere un’occupazione stabile. La sua grande passione era la musica. «Viveva la comunità – dice il sindaco di Altavilla Silentina Antonio Di Feo – soprattutto viveva le sue difficoltà in modo dignitoso. Fernando lo conosco da sempre e qui, 7000 residenti, lo conoscevano tutti». Su internet, da Facebook a Myspace, Fernando è protagonista di tantissimi spazi: foto, video dei
suoi concerti, saluti degli amici. Prima la banda musicale del suo paese, poi il conservatorio, dove consegue il quinto anno a pieni voti.

Il fratello è presidente di un’associazione culturale, e anche così Fernando viveva in prima persona la vita del suo Comune. «Non ha mai chiesto aiuto a nessuno – dicono al Comune – l’amministrazione ha sempre cercato di stare vicino alla sua famiglia, tanti figli e difficoltà da affrontare. Sono una famiglia molto unita e soprattutto piena di dignità».

«È una notizia che ci lascia senza fiato», dice Antonio Di Feo, il sindaco di Altavilla Silentina, comune del Salernitano di cui la vittima era originario.

«Ferdinando era conosciuto e amato da tutti – ha aggiunto il sindaco – viveva in pieno la comunità e la notizia della sua morte è un dolore immenso, per la sua famiglia e per l’intera comunita».

Lascia una risposta