PIANO DI SORRENTO, RAPINA A MANO ARMATA. UN DIPENDENTE DELLE PULIZIE LA SVENTA

0

Piano di Sorrento – Rapina a mano armata nella notte sul centralissimo corso Italia a Piano di Sorrento. Nel mirino di un malvivente solitario è finita una sala giochi ma la pronta reazione di un dipendente, addetto alle pulizie, ha fatto desistere il delinquente che, dopo aver ingaggiato con lui una breve ma violenta colluttazione, ha interrotto la sua azione criminale ed è fuggito senza portare a compimento il “colpo”. Sul posto sono immediatamente intervenuti i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Sorrento avvertiti da alcuni cittadini richiamati dal trambusto e soprattutto spaventati dopo aver udito tre colpi di pistola. È caccia aperta all’autore del tentativo di rapina ai danni di “World slot”, sala giochi frequentata soprattutto dai giovani di Piano di Sorrento. Erano all’incirca le 5 di venerdì mattina quando un individuo con il volto coperto da passamontagna ed armato di pistola (probabilmente un’arma giocattolo dato che sul posto non sono stati trovati bossoli) ha fatto irruzione nella sala giochi del corso Italia. L’esercizio a quell’ora era chiuso al pubblico e all’interno si trovava solo un dipendente, un 50enne del posto. All’uomo, che era intento nella pulizia delle sale, il rapinatore ha intimato, puntandogli contro la pistola, la consegna dell’incasso. Alla risposta del malcapitato, impossibilitato a consegnare il denaro poiché lo stesso era contenuto nelle macchine da gioco delle quali non aveva le chiavi, il malvivente ha sparato 3 colpi d’arma da fuoco, forse per intimidire l’uomo delle pulizie, che a questo punto ha reagito intuendo evidentemente che la pistola fosse finta e ingaggiando una breve colluttazione con il rapinatore. Sono volati pugni e schiaffi, alla fine il malintenzionato ha desistito dall’intento e si è dato alla fuga a piedi per le strade limitrofe. Trasportata all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento, la vittima del tentativo di rapina è stata curata dai medici del pronto soccorso: l’uomo presentava un’escoriazione alla mano destra e varie contusioni nasali ed alla regione labiale superiore. Dopo essere stato medicato, è stato dimesso. Guarirà in 5 giorni. Le indagini sull’accaduto sono condotte dai carabinieri della compagnia di Sorrento, agli ordini del capitano Massimo De Bari, e dei militari della stazione di Piano di Sorrento, guidati dal maresciallo Daniele Demarini. Gli inquirenti, che hanno ascoltato a lungo la vittima, contano di poter risalire in breve all’autore del fatto di cronaca, episodio alquanto anomalo per la costiera sorrentina. Non si esclude che possa trattarsi di un tossico in cerca di soldi: le modalità fanno pensare ad un rapinatore piuttosto inesperto.