Ravello – A Villa Rufolo in mostra Pino Settanni. La banalità che diventa bellezza.

0

A tre settimane dalla chiusura del Ravello Festival, le splendide sale di Villa Rufolo, tornano ad ospitare grande arte. Da sabato 17 ottobre e fino a primavera, protagonista assoluta sarà la fotografia. Visitando il “Magico Giardino di Klingsor”, infatti, si potrà ammirare la mostra “GIFT SHOP – MiniMiniMax” del grande fotografo pugliese naturalizzato romano, Pino Settanni. L’obiettivo di Settanni ha immortalato, per la sorprendente mostra Gift Shop, gli insignificanti souvenir turistici che affollano le bancarelle delle nostre città d’arte. Settanni, gira con la sua Pentax per i negozi di souvenir (GiftShop appunto) nella stazione di Milano, sulle bancarelle di San Giovanni Rotondo, su quelle di Roma e di Firenze, rimanendo attratto dalle statuette, dalle immagini seriali e ripetitive di santi, apostoli e navigatori. Immortala dei particolari che, grazie alla magia della fotografia, si riscattano come sublimi classici.

Il campionario kitsch messo in mostra è assai vasto, vi sono i Padre Pio, la Venere Borghese, Giulio Cesare, Augusto, Dante Alighieri, la coppia Totò San Gennaro e tanti illustri personaggi assieme a gladiatori, colossei  innevati e altra robaccia di poco conto. Una rappresentazione assai  ludica e seriale che mostra il trionfo del povero Kitsch diventato cult.

“Io stesso ho avuto un soprassalto quando ho visto per la prima volta queste fotografie. Ma che diavolo erano, da quale ultramondo venivano, com’è che dettagli talmente banali se non dozzinali erano stati trasformati in qualcosa di misterioso e metafisico? Com’è che statuette messe in vendita probabilmente non lontano da San Pietro sembravano alludere al set di un film porno da quanto uomini e donne sembravano darci sotto alla grande? E’ semplice, Settanni le aveva fotografate e dunque sconvolte … “ (Giampiero Mughini)

MiniMiniMax invece, è la parte della mostra dedicata ad alcuni personaggi divenuti delle vere e proprie icone del cinema. Catturati sempre dalla sapiente mano di Settanni posano per l’osservatore, Sophia Loren, Massimo Troisi, Omar Sharif, Mario Monicelli, Marcello Mastroianni, Ennio Morricone, Lina Vertmuller, Sergio Leone e persino Roberto Benigni.  (Biglietto di ingresso alla Villa.)

La mostra è organizzata dalla Fondazione Ravello e da Villa Rufolo; è aperta tutti i giorni negli orari di visita della Villa.

 

Villa Rufolo

tel./fax 089.857621

www.villarufolo.itinfo@villarufolo.it