Scoperta dal WWF Salerno una discarica abusiva a Castel San Giorgio

0

Le guardie ambientali del Nucleo WWF di Salerno hanno scoperto alcuni giorni fa una vasta area (alcune centinaia di metri quadri) all’interno del comune di Castel San Giorgio, adibita a deposito incontrollato di rifiuti di varia natura, tra cui soprattutto scarti vegetali della lavorazione del pomodoro, ma anche rifiuti pericolosi come il cemento amianto. La zona, situata a pochi metri dal sito archeologico del passo dell’Orco e ai piedi della collina sovrastata dall’eremo di S. Maria a Castello, versa in uno stato di totale abbandono e ormai viene anche evitata dai cittadini a causa dell’odore nauseabondo prodotto dalle tonnellate di bucce e semi di pomodoro depositate.

“Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un esempio di avvilente degrado che sottrae territorio alla gente che ama la natura e frequenta le zone rurali” – dichiara Alberto Gentile, direttore del WWF Salerno – “la strategia che le istituzioni locali dovrebbero porre in essere per scongiurare simili scempi non può che seguire almeno due strade parallele: la prima è quella di una continua sensibilizzazione pubblica, la seconda passa attraverso il presidio del territorio da parte delle forze dell’ordine deputate a questa mansione, ma anche dei volontari delle associazioni ambientaliste, che possono rivelarsi dei validi alleati a supporto della legalità e del rispetto dell’ambiente. Oltre a garantire la bonifica e il ripristino dello stato dei luoghi, ci auguriamo che il sindaco di Castel San Giorgio si attivi al più presto per scongiurare il ripetersi di simili fenomeni”.

Le segnalazioni formali, recanti notizie dettagliate di tutte le aree rilevate e delle tipologie di rifiuti abbandonati, saranno inoltrate al più presto al comune per gli adempimenti previsti dalla normativa vigente.