VICO EQUENSE FOLK FESTIVAL RIVIVE LA SPIAGGIA AL RITMO DELLA TARANTA

0

Balli scatenati sulla spiaggia al ritmo della taranta degli Officina Zoe su un palco che dava alle spalle uno spettacolare Golfo di Napoli e poi l’incendio dello Scoglio per una serata memorabile alla quale ha partecipato Positanonews.it.  Musica popolare, recupero delle tradizioni musicali, gare di nuoto e giochi acquatici di un tempo. Sono stati questi gli ingredienti del “Vico Folk Festival”, manifestazione organizzata dall’associazione culturale Aequana sulla spiaggia di Vico Equense ieri sera presso il borgo Marina di Vico ed uno dei suoi principali obiettivi è quello di valorizzare un luogo incantevole ma che stenta a decollare. Una giornata, dunque, che ha permesso a tutti i partecipanti di fare un salto nel passato e di vivere musica e divertimento secondo le abitudini di una volta. Per la sezione sport, si chiama “Tartaruga e Delfino” l’evento che mira a dare visibilità agli sport che hanno attinenza con mare e tradizione, con particolare ricordo a Fritz Dennerlein, l’indimenticabile “delfino” che per diversi anni ha nuotato nelle acque della marina di Vico. Il programma ha previsto durante la giornata giochi del mare, gare di nuoto, gare di lanzini con signorina a poppa. La gara di nuoto  di carattere amatoriale e vi hanno preso parte parte sia nuotatori agonisti (i delfini) che non (le tartarughe). La competizione si è svolta nello specchio d’acqua che va dal porticciolo di Vico Equense fino allo scoglio della tartaruga e ritorno per un percorso di 1000 metri.  Poi Veronica Calanti, famosa danzatrice di origine salentina ha insegnato la “pizzica” agli astanti in giornata. Poi gli spettacoli   nella pizzetta della marina di Vico con “O’ patrone vene sempe da luntano” a cura dell’associazione Aequana. Si tratta di uno spettacolo fatto di canti, balli, suoni che caratterizzano la tradizione popolare del territorio. Ma accanto a strumenti del passato come tammorre, castagnette, putipù ci saranno oggetti del presente, non convenzionali. Lo spirito del gruppo, infatti, è quello di recuperare le tradizioni del territorio e riproporle in una chiave sempre nuova. A concludere la serata il concerto del più rinomato gruppo di pizzica esistente in Italia, gli “Officina Zoe’” che hanno riscosso un successo strepitoso.