SALERNO MEDICO 46ENNE SPOSATO CON FIGLI SI SUICIDA CON IL GAS

0

Prima di aprire le valvole delle due grosse bombole di gas da quindici chili, ritrovate vicino al suo corpo esanime chiuso nel bagno del suo studio al primo piano di uno stabile di via Fratelli De Mattia, si è preoccupato di sigillare ermeticamente con lo scotch le fessure di porte e finestre, per essere sicuro che la morte sopraggiungesse nel minor tempo possibile. P.V., medico salernitano di quarantasei anni, specializzato in odontostomatologia, ieri mattina ha deciso, con lucida freddezza, di porre fine alla sua esistenza. Un gesto forse premeditato da tempo, che l’ha separato per sempre dai suoi cinque figli e dalla moglie. La donna è corsa in via De Mattia (nei pressi di piazza della Concordia) appena ha saputo, ha salito con concitazione – come hanno raccontato alcuni testimoni – la scala di emergenza appoggiata al balcone dello studio del marito, messale a disposizione dai vigili del fuoco, ed è rimasta impietrita di fronte alla macabra visione che le si è presentata. Ad allertare i vigili del fuoco, intorno alle nove e mezza, alcuni abitanti dello stabile che, preoccupati per una forte puzza di gas che si espandeva giá da qualche ora nella zona a pochi passi dalla stazione, hanno ritenuto opportuno sollecitare i controlli, pensando inizialmente che si trattasse di una fuga di metano da qualche conduttura. Una volta arrivati sul posto, i vigili del fuoco hanno però subito capito che si trattava di qualcosa di più grave, visto che il gas fuoriusciva da un appartamento la cui porta di ingresso appariva chiusa dall’interno. Immediato l’abbattimento, che ha così rivelato la tragedia. Il medico era privo di conoscenza, disteso sul pavimento del bagno del suo studio, e a nulla sono valsi i tentativi per rianimarlo fatti dai medici del 118, accorsi con due ambulanze che, una volta accertato il decesso dell’uomo, sono andate via vuote, lasciando i tanti abitanti del quartiere accorsi sul luogo dell’incidente sconcertati e increduli. Fiorella Loffredo La Città