Ravello, Babbà campione dopo una spettacolare finale con il Paradise Beach

0

Ravello, costiera amalfitana Una vera e propria battaglia. Di nervi, di tecnica, di calcio (di calci anche …), di spettacolo. La finale del Torneo di Beach Soccer La Costiera dei Giovani, che ha visto coinvolti Atrani, Ravello, Amalfi e dintorni è di quelle difficili da dimenticare. Accreditato dei pronostici della vigilia, il Paradise Beach si presenta all’appuntamento decisivo privo del suo insuperabile portiere Sinno, sostituito tra i pali dall’acciaccato Apicella. In attacco l’implacabile Criscuoli supportato dal dinamico Iovieno e da Fierro. Il Babbà risponde rispolverando Capitan Roberto Montagna e proponendo il solito trio Mansi – Milano – Casanova davanti all’impavido Montagna Luigi, in arte “Ginetto”.

La gara parte subito forte, sia dal punto di vista dell’agonismo che delle occasioni. Nei primi minuti il Paradise sembra più lucido e riesce a contenere l’ariete Casanova affidandosi in attacco alle iniziative del sempre pungente “Sandokan” Criscuoli, che sfiora il gol da cineteca dopo pochi minuti deviando in rovesciata un preciso assist di Iovieno. La palla sfiora il palo alla destra di Montagna, che si protende in tuffo con la consueta agilità…Il Babbà non si scuote e il Paradise insiste: a pochi secondi dal termine del primo quarto Fierro scambia con Criscuoli e scarica un diagonale potente e preciso nell’angolo basso alla destra di Montagna, portando in vantaggio il Paradise.

Il Babbà accenna una reazione e si rende pericoloso con Casanova, che reclama un rigore per un presunto intervento falloso di Fierro. Intanto l’eccentrico Milano comincia a carburare e prova ad assistere con più continuità Casanova. Ma i palloni che giungono nei pressi della porta di Apicella sono davvero pochi. Così il Paradise difende bene e punge in attacco, dove Criscuoli, come sempre, sfrutta al meglio gli spazi concessi dai difensori avversari e raddoppia raccogliendo di testa una respinta di Montagna in disperata uscita bassa. Ma il Babbà non demorde e trova il gol del 2-1 grazie ad un calcio piazzato di Casanova, che supera Apicella con un fendente rasoterra e riporta in partita i suoi.

A questo punto l’ago della bilancia inizia a inclinarsi dalla parte del Babbà. Il Paradise va in difficoltà dal punto di vista fisico e soffre il terreno pesante e gli acciacchi. Il Babbà non ci sta a perdere e carica a testa bassa, con Milano che riesce finalmente a farsi vedere in zona gol, senza però centrare il bersaglio grosso. Dopo pochi minuti dall’inizio del terzo quarto la veemenza del Babbà viene premiata grazie al solito Casanova, che scarica in rete il gol del 2-2. Tutto da rifare. Ma poco fiato e tanta voglia di prevalere.

Così gli animi iniziano a surriscaldarsi e si vedono una sfilza di cartellini gialli, dovuti soprattutto a proteste e scaramucce tra i componenti delle due squadre. Ne fa le spese Milano, che eccede nelle proteste e becca il cartellino verde, che gli costa un’espulsione temporanea di tre minuti in un momento topico del match. Ma la superiorità numerica del Paradise dura solo qualche istante, perchè Criscuoli accusa un dolore al piede sinistro ed è costretto a lasciare il campo per qualche minuto. Così le squadre si ritrovano tre contro tre a una manciata di secondi dalla fine.

E’ il Babbà ad approfittarne grazie ancora a Casanova, che da posizione ravvicinata supera Apicella sul primo palo consegnando di fatto la Coppa ai suoi. Neanche il contemporaneo rientro di Milano e Criscuoli riesce a cambiare le cose, con Il Paradise che ci prova coraggiosamente fino alla fine senza però riuscire a superare Montagna.

Arriva dunque il fischio finale dell’arbitro De Crescenzo che incorona la squadra ‘O babbà o vuò? vincitrice del Torneo di Beach Soccer La Costiera dei Giovani. Di sicuro abbiamo assistito ad una splendida finale, nella quale entrambe le squadre hanno onorato l’impegno nel migliore dei modi. Forse con il Paradise al completo sarebbe stata un’altra storia, ma, si sa, nello sport le vittorie sono di chi le ottiene sul campo.

Al termine della gara si è svolta la premiazione. Potete vedere tutte le foto realizzate da Umberto Gallucci su http://summersport.mellogs.it/

Caruso Giò