Alcol, nessuna multa a Milano

0

MILANO – Nessuna multa è stata comminata durante la prima notte dopo l’applicazione dell’ordinanza comunale – in vigore dal 20 luglio – che a Milano vieta il consumo di alcolici ai minori di 16 anni. Lo rende noto il vicecomandante della polizia locale Tullio Mastrangelo, che ha coordinato i 70 vigili impegnati fino alle 3 del mattino nel monitoraggio delle zone più calde della movida milanese. Oltre cento i controlli effettuati sui ragazzi più giovani. Sono stati invece denunciati tre venditori abusivi, tutti extracomunitari senza documenti, probabilmente in cerca di facili affari vista la disciplina con cui bar e locali autorizzati hanno accolto le nuove norme.

I VENDITORI IN NERO – Il primo abusivo è stato fermato poco prima di mezzanotte alle Colonne di San Lorenzo con un bustone pieno di lattine di birra, gli altri due più tardi in via Vetere, poco lontano, in direzione dei Navigli. Questi ultimi erano attrezzati addirittura con un frigo portatile. Oltre alle contravvenzioni da 3.000 euro che dovranno pagare in base a una legge regionale già in vigore da prima dell’ordinanza, sono state sequestrate loro circa cento bottiglie. I controlli proseguiranno sabato sera con lo stesso dispiegamento di forze: due pattuglioni da oltre 20 agenti rispettivamente alle Colonne e ai Navigli e altre pattuglie più piccole all’Arco della Pace, in Corso Como e in altre zone dove la clientela è di solito più adulta.

I VOLANTINI – L’ordinanza è entrata in vigore il 20 luglio, ma per i primi dieci giorni i vigili, coadiuvati dai City Angels, si sono limitati a distribuire migliaia di volantini informativi nelle zone della movida. I volantini spiegavano le nuove regole: ora i giovani sotto i 16 anni non possono acquistare né consumare alcolici in strada o nei locali. Se trasgrediranno, i genitori saranno sanzionati con una multa che può arrivare a un massimo di 450 euro (che salgono a 500 se la contravvenzione non viene pagata entro i primi cinque giorni), così come i commercianti che violeranno la disposizione.

 corriere.it              inserito da Michele De Lucia