POSITANO ARRIVA IL PRESIDENTE NAZIONALE DEI GIORNALISTI DEL BOCA

0

“Un ottimo liquore dopo un buon pranzo”. Questa la metafora semplice ma efficace con cui Lorenzo Del Boca (in foto), presidente dell’Ordine dei giornalisti, descrive come dovrebbe essere un giornale ai giovani praticanti giornalisti. Il liquore Del Boca lo farà assaggiare venerdì sera a Positano in Costiera amalfitana al Domina Royal nella straordinaria rassegna Domina Positano del consigliere nazionale dell’ordine dei giornalisti  Angelo Ciaravalo che porta avanti con il  direttore del Royal Roberto Illiano. Del Boca presenterà la sua ultima opera “Grandi guerre, piccoli generali”. Del Boca racconta di come la stampa sta perdendo gradualmente la sua credibilità, cerca di stupire e scioccare il lettore con titoli teatrali e informazioni di discutibile interesse. Persino le notizie sul tempo vengono drammatizzate fino all’eccesso. “Verso la grande alluvione. La pianura padana verrà sommersa” per un paio di giorni di pioggia intensa, “il Sahara arriverà fino alle Alpi” quando il termometro segna trenta gradi per più di cinque giorni. Il risultato di questa politica editoriale, sottolinea Del Boca, non è però quello sperato: i lettori diminuiscono, in Italia si comprano circa cinque milioni di giornali al giorno a fronte di una popolazione di sessanta milioni. Nulla se si pensa a paesi come la Germania, in cui un singolo quotidiano vende sei milioni di copie. In realtà non sono solo i nostri giornali a passarsela male, la crisi sta toccando la stampa a livello internazionale. Le notizie, in particolare grazie a internet, arrivano in tempo reale, sappiamo subito cosa succede all’altro capo del mondo. “Stavo guardando la televisione – racconta il presidente Del Boca – quando ho visto che in Argentina si stava svolgendo una protesta di piqueteros (principalmente disoccupati) che manifestavano davanti alla Casa Rosea, il Parlamento argentino. Ho chiamato dei miei amici che stavano a Buenos Aires per capire cosa stava succedendo e questi erano assolutamente all’oscuro di tutto”. Altro esempio, ricorda, è l’11 settembre. Quanti, si chiede, hanno ricevuto la notizia tramite amici o parenti che dicevano “Hai visto cos’è successo? Presto accendi la televisione”. Le notizie corrono nell’aria e per i giornali è difficile stare al passo, uscire con una notizia ventiquattro ore dopo l’accaduto quando già tutti sanno è evidentemente un problema. L’informazione è vecchia ancora prima di uscire. Che futuro si prospetta dunque per la carta stampata? Dobbiamo scriverne il necrologio o c’è una possibilità di sopravvivenza? Del Boca presenta due tesi: da una parte il sociologo Philip Meyer che parla di Vanishing Newspaper e prospetta la progressiva scomparsa dei giornali cartacei. Dall’altra il professor Derrick de Kerckhove secondo cui una nuova tecnologia non necessariamente assorbe quella precedente, basti pensare alla bicicletta che sopravvive nonostante auto e motorini imperversino nelle nostre strade. La soluzione di Del Boca è impegnativa, ma possibile e si rivolge soprattutto ai giornalisti: non potendo combattere con il tempo, bisogna puntare alla qualità. L’affermazione “un giornalista non si fa con la testa ma con i piedi”, dice, è anacronistica. Chi scrive deve avere una profonda conoscenza della questione, in modo da presentare al lettore una chiave interpretativa chiara e definita che renda agevole la comprensione degli eventi. Il giornalista non può più essere un tuttologo ma deve costantemente aggiornarsi e studiare. “Nessun chirurgo – conclude – opera con le tecniche apprese all’inizio della sua carriera”. Insomma, la situazione è assai poco rosea ma non serve cadere in inutili catastrofismi. Il futuro della professione è nelle mani dei giornalisti e le nuove generazioni devono darsi da fare per dare al lettore quel buon liquore a fine pasto.

 

 

Lascia una risposta