ECCO I DATI EXPEDIA PER IL TURISMO, ALTRO CHE CRISI. IN CAMPANIA E´ BOOM

0

La crisi? Lasciata alle spalle, almeno al momento e questo lo dice la principale agenzia viaggi online . Tutto esaurito in Costiera amalfitana, le mete privilegiate Amalfi, Positano, Ravello, Capri, ma anche Napoli. I dati forniti dall’osservatorio di Expedia, realizzato dallla società di viaggi online analizzando i dati relativi alle proprie prenotazioni, incorona in particolare Napoli e la Costiera amalfitana piazzando queste zone sul podio più alto della classifica nazionale delle presenze.

È un terzo posto guadagnato con un netto più 51 per cento, quello occupato dal capoluogo campano e dalla Costiera. Cresce la domanda di turismo anche sulle isole, Capri e Ischia in testa, e a seguire Sorrento. Sorpresa. I risultati dello studio di Expedia contraddicono la linea di tendenza emersa già da alcune settimane: quella che dava Napoli in particolare – ma anche molte altre zone ad alta vocazione turistica – tra le mete più penalizzate dal calo della domanda, sia nazionale che internazionale. Più in generale, dalla analisi dei dati dell’osservatorio di Expedia emergono tendenze e mete preferite degli italiani per le vacanze estive, confermando il buon momento delle capitali europee, Londra in testa.

Ma è proprio il 51 per cento in più di richieste su Napoli e Costiera Amalfitana certificate dal sito internet specializzato nel campo del turismo a rappresentare la vera sorpresa. Una notizia che segna un’inversione di tendenza rispetto ai dati che marcavano in profondo rosso l’avvio della stagione estiva in Campania. Nonostante tutti gli sforzi e le campagne svolte per spiegare – agli italiani come ai turisti provenienti dal resto del mondo – che qui l’emergenza rifiuti è finita, che Napoli è una città profondamente cambiata rispetto alla pessima immagine circolata durante i giorni del blocco della raccolta di immondizia. Al primo posto della classifica di Expedia si colloca la Liguria, con la Riviera di Levante e la zona delle Cinque Terre (con un balzo record di richieste-prenotazioni del 117 per cento in più); al secondo posto (con un aumento del 99 per cento) sale la Puglia e al terzo la Campania, dunque. «La crisi – commentano da Expedia – sembra spingere molti italiani a scegliere una vacanza “tricolore” nel tentativo ad esempio di risparmiare sugli spostamenti e di muoversi verso mete relativamente vicine».

Nel caso della Campania, poi, si tratta anche di mete «blasonate», a cominciare da Capri, Amalfi e Ravello. Emerge anche un altro dato dalla ricerca di Expedia: se da un lato cresce la richiesta di prenotazioni a Napoli e nelle altre località di turismo, dall’altro la durata del soggiorni si accorcia sensibilmente. Più prenotazioni ma vacanze più brevi, insomma. In linea con i venti di crisi che impongono alle famiglie una politica di risparmio, pur senza rinunciare alle meritate ferie.