Influenza A/ Finiti i vaccini in farmacia. Bloccati a Parigi 17 studenti italiani

0

Ancora studenti italiani all’estero contagiati dal virus della nuova influenza. Diciassette adolescenti in vacanza studio in un liceo cattolico vicino a Parigi, sono stati colpiti dalla A/H1N1, ma le loro condizioni non destano preoccupazioni

Ancora studenti italiani all’estero contagiati dal virus della nuova influenza. Diciassette adolescenti in vacanza studio in un liceo cattolico vicino a Parigi, sono stati colpiti dalla A/H1N1, ma le loro condizioni non destano preoccupazioni. Lo ha riferito la prefettura parigina. Gli studenti resteranno in isolamento una settimana, prima di rientrare a casa.

In Italia, i casi finora accertato sarebbero 320, nessuno è risultato mortale. Il governo, dopo gli annunci contrastanti dei giorni scorsi, si è ora attestato su una linea meno allarmistica. Il ministro Sacconi ha ribadito ieri che il virus, dato il basso livello di aggressività dimostrato finora, non desta particolari allarmi, ma ha anche confermato l’idea di procedere alla vaccinazione di circa 15 milioni e mezzo di persone: in pratica, tutti i giovani tra i 2 e i 27 anni che risulterebbero più a rischio delle altre classi di età che, probabilmente, hanno già incontrato virus simili portatori delle normali influenze stagionali

FARMACI FINITI- “Relenza? Tamiflu? Tutto finito nelle farmacie italiane. Finiti. Bloccati dal ministero. La solfa è la stessa dappertutto, sono andati a ruba nonostante non siano mutuabili e costino dai 32 ai 36 euro a confezione. E chi ne ha ancora una scatoletta in magazzino avverte il cliente: non assicuro che domani lo troverà.

Iil presidente del Sindacato nazionale autonomo medici italiani, Mauro Martini: “I casi sospetti sono dirottati dai medici di base ad Asl e ospedali, i quali somministrano l’antivirale nel caso che accertino l’avvenuto contagio”. 

L’ALLARME- Ma la nuova influenza rischia di avere anche effetti sui grandi movimenti di massa generati dai pellegrinaggi annuali dei musulmani di tutto il mondo verso la Mecca. I ministri arabi della
Sanità, riuniti al Cairo sotto l’egida dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), si sono messi d’accordo per limitare l’affluenza di pellegrini nella città santa dell’Islam.

Secondo Ibrahim al-Kerdani, portavoce dell’Oms in Egitto, tali misure devono comunque essere ancora approvate dagli Stati partecipanti alla riunione. Le restrizioni, secondo l’Oms, riguarderanno i pellegrini più vulnerabili come le persone anziane, le donne incinte, i bambini di meno di 12 anni e le persone affette da malattie croniche. Hussein Gezairi, direttore generale dell’Oms per il Medio Oriente, ha stimato ieri che il governo saudita ratificherà certamente tali raccomandazioni. “Il governo saudita applicherà queste restrizioni e nessuno otterrà il visto se non rispetta queste misure”, ha spiegato.

NUOVE VITTIME- Vittime in Nuova Zelanda. In Nuova Zelanda, intanto, il governo ha confermato che sono 14 i decessi riconducibili alla nuova influenza. Altre 11 morti sospette sono in corso di valutazione.

AFFARITALIANI.IT            Inserito da michele De Lucia