SALERNO PAURA PER TRE SPEOLOGI BLOCCATI IN UNA GROTTA. LIBERATI DOPO 40 ORE

0

Sono venuti  da tutta l’Italia per recuperarli. Paura per tre speleologi pugliesi bloccati in una grotta in provincia di Salerno sul Cervati, in pieno Cilento,  a causa di una piena improvvisa. I soccorritori li hanno individuati nel cosiddetto “inghiottitoio dei Vallicelli” nel territorio di Monte San Giacomo sui monti Alburni, al di là di un sifone allagato a causa delle forti piogge cadute durante l’escursione in grotta. Squadre del Soccorso Alpino e Speleologico insieme a vigili del fuoco di Salerno specializzati nelle ricerche fluviali, da ieri notte stanno tentando di svuotare il sifone con l’ausilio di pompe. Davanti alle grotte, che si trovano a 1.200 metri di altezza a pochi chilometri dal monte Cervati, il più alto del Salernitano, ci sono ancora la tenda allestita dai tre speleologi e la loro auto. “I tre speleologi – spiega l’ufficio stampa del Soccorso speleologo Cnsas di Puglia e Basilicata – si sarebbero rifugiati in una zona non bagnata, aspettando lo svuotamento. I vigili del fuoco hanno portato giù una pompa a immersione per tentare lo svuotamento del sifone e, insieme con i tecnici del Csas, stanno completando le operazioni necessarie per stendere le manichette e quindi poter iniziare lo svuotamento. Nel caso l’operazione non dovesse riuscire, i sub sono già pronti per un’immersione”. In tarda serata sono stati poi ritrovati ma non recuperati. razie a un sub che, nonostante i cunicoli stretti, è riuscito a raggiungere i tre speleologi pugliesi rimasti bloccati da venerdì nelle grotte di Vallicelli, sul Monte Cervati, a circa dieci chilometri da Monte San Giacomo, in provincia di Salerno. Hanno allargato le braccia, senza dire nulla, Antonio De Leo, 43 anni, Gianluca Selleri, 36 — entrambi leccesi — e Cosimo Leone, 30 an­ni, del Brindisino, speleologi del gruppo «Ndronico» di Lecce, che saranno definitiva­mente liberati nelle prossime ore. Sono stati anche già rifocillati, con thè caldo e coperte termiche. Le azioni di soccorso puntano a libe­rare quanto prima il passaggio che separa i tre speleologi dall’uscita della grotta, invaso dal­l’acqua a causa delle forti piogge di ieri e del giorno prima. Un temporale ha rallentato ulte­riormente le operazioni di svuotamento del si­fone. I Vigili del Fuoco e i tecnici del Cnsas hanno realizzato all’ingresso della grotta uno sbarramento artificiale con una pompa che provvede a drenare l’acqua all’esterno, per im­pedire ulteriori afflussi dovuti al recente tem­porale abbattutosi sulla zona, non ancora del tutto terminato. Non appena sarà stato libera­to il passaggio attualmente occupato dall’ac­qua, i medici raggiungeranno gli infortunati per valutarne le condizioni fisiche e pianifica­re le operazioni di uscita dalla grotta. Le loro condizioni non desterebbero preoccupazione. Appaiono debilitati, certo, ma il peggio è pas­sato. I soccorsi, provenienti da tutta Italia, do­po 27 ore, sono riusciti a stabilire quel contat­to che ha fatto esultare tutti. Sul posto, sulla vetta più alta del salernitano a circa 1.200 me­tri, sono giunti, tempestivamente, i carabinie­ri di Sala Consilina, l’elicottero dell’Arma, gli esperti del Cnsas (corpo nazionale di soccor­so alpino e speleologico di Puglia, Basilicata e Campania) – medici e sub; vigili del fuoco del distaccamento di Salerno e Roma. Giunti an­che alcuni amici e familiari dei tre speleologi che con commozione hanno seguito e appre­so del contatto. Come, del resto, tutti i colle­ghi, pugliesi e campani, dei tre sfortunati pro­tagonisti della vicenda. A dare l’allarme, scat­tato nella notte tra venerdì e sabato, è stato un dipendente del comune che ha la passione per la montagna. L’auto parcheggiata, la ten­da allestita ha insospettito l’uomo che ha avvi­sato i vigili urbani. Che, come prevedono le regole degli speleologi, erano a conoscenza della loro presenza. Senza perdere tempo è stato informato il sindaco, Franz Nicodemo, il Prefetto, il 112 e 115. E da lì, una vera e pro­pria catena di soccorsi giunti sul posto in tem­pi rapidissimi. I sub hanno avuto un bel da fare prima di riuscire a farsi largo nella grotta, larga circa 40 metri e alta quasi un metro, per­ché letteralmente invasa dall’acqua piovana. La stessa ondata che ha sorpreso i pugliesi. In questo momento (domenica 5 luglio all’alba) È finito l’incubo per i tre speleologi pugliesi rimasti intrappolati per oltre 40 ore in una grotta sui Monti Alburni, nel salernitano. Antonio De Leo, 40 anni, di Lecce, Gianluca Selleri, 34 anni, anch’egli leccese, e Cosimo Leone, brindisino di 30 anni, sono stati liberati in nottata dagli uomini del soccorso alpino insieme ai vigili del fuoco. Gli speleologi sono in buone condizioni di salute.

 

 


Lascia una risposta