Amalfi e Atrani: truffavano on-line ignari correntisti. Denunciati dai carabinieri

0

Gli uomini dell’Arma nella “rete”, la squadra del Capitano Di Nisco sono riusciti a beccare truffatori su internet in Costiera amalfitana. Una singolare truffa è stata scoperta dai Carabinieri della Stazione di Amalfi: l’azione criminosa si svolgeva “on-line” ed era rivolta ai conti correnti bancari o postali di ignari titolari, ai quali due locali truffaldini, C.A. e D.P.G. residenti nella piccola Atrani, sono riusciti a sottrarre, in più occasioni, somme di importo diverso, comunque considerevole, “girate” sui loro conti correnti e, poco dopo, riscosse in contante. Le indagini, avviate di iniziativa dagli uomini della Benemerita, hanno preso l’avvio da una serie di denunce, pervenute da Napoli, Roma, Cosenza, Trapani, Rimini, Trezzo d’Adda (MI) e Corato (BA), con cui le sfortunate vittime lamentavano di non aver mai autorizzato bonifici a loro favore. Assunta la direzione delle attività investigative, l’Autorità Giudiziaria disponeva una perquisizione nei rispettivi domicili: alle prime ore dell’alba, l’irruzione operata dai militari permetteva di recuperare materiale informatico (pc, pen-drive, cd-rom) necessario alla navigazione nel web nonché documentazione bancaria di varia natura, tutto oggetto di sequestro ed ora al vaglio di quella stessa Autorità inquirente.  Frode informatica in concorso ex art. 640ter del Codice Penale: questo il capo di imputazione da cui dovranno difendersi.