Confindustria: «Ripresa faticosa nel 2010 In 2 anni un milione senza lavoro o in Cig»

0

ROMA – Il 2009 si conferma pesante, la crisi continua a rallentare l’economia ma dal 2010 si intravedono segnali di miglioramento: il Pil, al -4,9% nell’anno in corso, potrebbe tornare a salire dello 0,7% nel 2010. Ma la ripresa resterà per l’Italia «ripida» e il nostro Paese «vi si inerpicherà faticosamente». Queste, in sintesi, le previsioni messe a punto dal Centro studi di Confindustria. Nel 2009 dunque il Pil italiano si contrarrà del 4,9%, secondo il Centro studi, che ha tagliato le precedenti previsioni (a marzo parlavano di un calo del 3,5%). Quanto all’occupazione, nei due anni tra il primo trimestre del 2008 e il primo del 2010, la recessione causerà la perdita di circa un milione di unità di lavoro (tra posti di lavoro e cassa integrazione). Il tasso di disoccupazione arriverà quest’anno all’8,6%, secondo i dati forniti, e nel 2010 al 9,3%, «livello che non veniva più toccato dal 2000».

«STATO SOCIALE INSOSTENIBILE» – Di fronte alla crisi economica e alla prospettiva di una lenta e faticosa ripresa, il Centro studi torna a invocare le riforme strutturali. «Senza crescita più alta diventano insostenibili gli standard di welfare state e si incrina la coesione sociale. Le mancate riforme hanno costi enormi» è l’allarme del Centro, che sottolinea come le riforme offrano «gigantesche opportunità: facendo leva su infrastrutture, istruzione, pubblica amministrazione e liberalizzazione il pil italiano può guadagnare almeno il 30%» nei prossimi vent’anni.

 corriere.it       inserito da michele De lucia