Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Ravello Jack Frusciante nella Città della Musica

Più informazioni su

 


 


RAVELLO- Ancora una volta la Città della Musica si conferma buen ritiro per  Vip di caratura internazionale. E’ ormai noto come da queste parti si rifugino volentieri personaggi del jaz set internazionale per scappare dalla luce, a volte troppo abbagliante, dei riflettori, con la garanzia di rimanere nel più totale anonimato. Ultimo a comparire nel guest book di Ravello, l’italo americano John Frusciante, chitarrista della band californiana dei Red Hot Chili Peppers. Frusciante ha raggiunto il centro costiero per incontrarsi con l’amico Woody Harrelson, attore texano che da tempo era a Ravello visto che lo scorso  3 giugno è diventato papà per la terza volta proprio  in una sontuosa villa del centro costiero. “Non conoscevo Ravello, – esordisce Frusciante – ed è grazie a Woody che sono qui. Il mio bisnonno paterno era italiano, ed i miei genitori mi parlavano spesso e con tanta nostalgia dell’Italia, di Benevento. Era un immigrato partito da qui con tante speranze e con la valigia di cartone. Solo questo so del mio legame con l’Italia.” Infatti Frusciante non ha mai saputo più nulla sulle sue origini, sul sannio, sulla Campania e principalmente sulla storia della sua famiglia. Ci ha pensato però un suo omonimo, Giovanni Frusciante da Benevento che da un anno lavora a Ravello. Quando Giovanni si è presentato al “cugino” più celebre, questi non poteva credere alle proprie orecchie. C’è voluta la carta d’identità per capacitare l’artista che per tutta una sera ha praticamente interrogato Giovanni, costringendolo ad aprire l’album di famiglia scritto dal loro bisnonno Generoso Frusciante il quale, subito dopo il primo conflitto bellico, lasciò moglie e figli per cercare fortuna oltreoceano dove si fece una “seconda” famiglia. Nei suoi tre giorni di permanenza a Ravello Frusciante, unito alla compagna Emily e dalla sua inseparabile Fender Stratocaster, ha apprezzato molto il luogo. Come il collega Richie Sambora (chitarrista dei Bon Jovi) non ha saputo resistere alle tentazioni del Ristorante Rossellini’s a Palazzo Sasso, dove alloggiava e dove ha potuto dare il via libera alla passione per il buon vino  mettendo sotto torchio Nando Papa, uno tra i migliori sommelier del belpaese, scegliendo una verticale di annate di Solaia Super Tuscan che andavano dal 1990 a 1997. Proprio questi gli anni più difficili e tormentati per Frusciante, che prima uscì dal gruppo (1992) per poi tornarci nel 1998 dopo un vasto programma di disintossicazione, inevitabile a seguito di ben otto overdose. Una vita non certo da collegiale svizzero la sua, che a Ravello lo ha visto mimetizzarsi come Harrelson tra la gente comune, il tutto tra una foto e un autografo in tutta semplicità.” Mi piace Ravello, ho trascorso tre giorni davvero tranquilli qui.- ha affermato Frusciante prima di partire – Questo luogo trasmette molte energie positive e forse grazie a questa vacanza ho scoperto il valore dell’appartenenza e delle origini. Sono orgoglioso di avere un po’ di Italia dentro di me e appena potrò, tornerò sicuramente.” Martedì scorso la rockstar è ripartita alla volta di Bruxelles dove stasera si ritroverà con il resto della band per proseguire il tour mondiale di “ Stadium Arcadium”, ultimo successo del gruppo di Los Angeles. Chi lo conosce non  esclude che dietro il backstage avrà con se un aglianico o una falanghina rigorosamente made in Sannio…


Emiliano Amato


 


 


 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.