Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Gragnano arrestato Martinelli si dimette la moglie Annarita Patriarca foto

Più informazioni su

Si è dimesso il sindaco di Gragnano Annarita Patriarca dopo l’arresto del marito Enrico Martinelli sindaco di San Cipriano Aversa con l’ombra di collusioni camorra politica in Campania legate anche all’ex coordinatore del PDL Cosentino loro testimone di nozze. Pochi giorni fa abbiamo intervistato Annarita Patriarca, sindaco di Gragnano cuore dei Monti Lattari, con Positanonews in occasione della presentazione del libro “La Colpa Innocente” (clicca qui per articolo e video intervista) e si diceva tranquilla sullo scioglimento per infiltrazioni camorristiche. “Vi è una frase distorta che non va attribuita a noi nelle intercettazioni dei camorristi – diceva convinta – la sinistra ha fatto cinque interrogazioni? Noi ne abbiamo fatte tre”. Ma ora i riflettori sono puntati sul marito, anche egli primo cittadino, ma nel casertano, e questa volta sono arrivati gli arresti.

Dall’alba i carabinieri del nucleo investigativo di Caserta, nell’ambito di indagini coordinate dalla Dda di Napoli, stanno dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di nove persone ritenute responsabili di associazione per delinquere di tipo camorristico. Come riferiscono i carabinieri, tra i destinatari del provvedimento vi sono l’attuale sindaco del comune di San Cipriano d’Aversa (Caserta) Enrico Martinelli di 41 anni, un consigliere di maggioranza dello stesso comune, due persone ritenute elementi di vertice del clan dei Casalesi Antonio Iovine ed Enrico Martinelli, entrambi di 48 anni e arrestati dopo lunghi periodi di latitanza, sette affiliati al gruppo camorristico attivo a San Cipriano d’Aversa e facente capo a Iovine. L’ordinanza di custodia cautelare è stata notificata al sidnaco nella sua abitazione. IL BOSS MANDAVA PIZZINI AL SINDACO – `Pizzini’ inviati dal boss dei Casalesi Enrico Martinelli al suo omonimo, sindaco di San Cipriano d’Aversa. E’ quanto emerso nel corso delle indagini che hanno portato all’esecuzione di 9 ordinanze di custodia cautelare e all’arresto del primo cittadino del piccolo centro del Casertano, avvenuto all’alba nel corso di un’operazione condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Caserta e coordinata dalla Dda partenopea. Secondo quanto accertato, anche grazie a una serie di intercettazioni, il sindaco Martinelli avrebbe ricevuto messaggi dal boss sia per ricevere precise disposizioni sull’assegnazione degli appalti pubblici ad imprese contigue al clan, sia per rimproverarlo di non aver eseguito i suoi `ordini’ alla perfezione. Alcuni `pizzini’, inoltre, come oggetto numerose vicende dell’amministrazione comunale e non mancavano di ricordare al politico che era stato eletto grazie ai voti del clan. A certificare l’invio di messaggi al sindaco è stato il ritrovamento, l’11 maggio 2010, di un nastro carbo-grafico di una macchina da scrivere elettronica rinvenuta all’interno di un sofisticatissimo bunker sotterraneo, ricavato all’interno dell’abitazione di Danilo Raffaele Locusta, che era stato utilizzato da Martinelli durante la sua latitanza terminata nell’agosto 2007. Nel covo, il boss aveva soggiornato con i propri familiari e aveva ricevuto anche persone fidate per effettuare il rendiconto delle attività illecite del clan. Dal nastro della macchina da scrivere sono stati estrapolati 35 pizzini scritti dal latitante, alcuni dei quali inviati proprio al sindaco Martinelli. I fatti contestati sono stati “ampiamente documentati – scrive in una nota il procuratore aggiunto della Dda, Federico Cafiero de Raho – con intercettazioni telefoniche e con materiale documentale”, appunto i `pizzini’. Le indagini della Dda sono inserite nell’ambito delle investigazioni compiute, nel corso degli anni, per risalire ai componenti del gruppo che faceva capo dell’ex ‘primula rossa’ dei Casalesi, Antonio Iovine, e che ne aveva favorito la sua latitanza consentendo il mantenimento della leadership all’interno del clan. Tra i destinatari del provvedimento eseguito oggi c’è, infatti, anche Iovine e il suo luogotenente storico, Enrico Martinelli, entrambi già detenuti. Il boss Martinelli è ritenuto uno dei personaggi storici della camorra casalese, fin dall’epoca di Antonio Bardellino. Rivestendo le mansioni di killer, ha partecipato alla cruenta guerra intestina al clan dopo l’eliminazione di Bardellino, alleandosi con Michele Zagaria e Francesco Schiavone `Sandokan’. Tristemente famosa – ricorda la Procura antimafia partenopea – la sua partecipazione alla cosiddetta `strage di Casapesenna’ del 1988 quando furono uccisi il killer calabrese Michele Pardea e Antonio Salzillo. Martinelli ha anche partecipato al quadruplice omicidio di Antonio Pagano, Giuseppe Gagliardi, Giuseppe Mennillo e Giuseppe Orsi, avvenuto a Casal di Principe il 22 aprile 1989. Negli ultimi anni è stato vicinissimo ad Antonio Iovine e con lui, Michele Zagaria e altri 63 indagati, è stato destinatario di un’altra ordinanza cautelare, eseguita il 26 maggio 2008, per i reati di associazione camorristica, estorsioni e altro. Nel provvedimento dell’operazione ‘Galassia’ emerse il suo ruolo di controllo delle scommesse clandestine nel Casertano.

Poi si  è dimesso il sindaco di Gragnano Annarita Patriarca (PdL), dopo la giornata cominciata con l’arresto di suo marito Enrico Martinelli, sempre del PdL, sindaco di San Cipriano d’Aversa, accusato di essere colluso con i casalesi.

Le dimissioni sono state protocollate nel pomeriggio di oggi. Bisogna ricordare che a Gragnano si attende la decisione del ministero degli Interni sullo scioglimento per infiltrazioni camorristiche dell’assise cittadina. Una decisione che, stando alle ultime indiscrezioni, dovrebbe essere ratificata nelle prossime settimane.

“Cosa aspetta ancora il governo – ha detto il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli – a sciogliere immediatamente il comune di Gragnano? Non dimentichiamo mai che il matrimonio di questi due sindaci e delle loro famiglie ebbe come testimone di nozze l’onorevole Nicola Cosentino su cui pendono diverse richiesta di arresto per rapporti con la camorra. E’ ora di fare piazza pulita in tutti i comuni inquinati e colpire duramente ogni riferimento politico della camorra nella nostra regione. Gragnano e San Cirpiano vanno sciolti in tempi rapidissimi”.

Nella sezione Monti Lattari News di Positanonews giù in basso andrà questo articolo e le notizie di Agerola e Gragnano

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.