Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

Lecce. Palazzo dei Celestini, Sala Consoliare. Incontro su Giovanni Pascoli.

Più informazioni su

LECCE CELEBRA IL CENTENARIO DELLA MORTE

DI GIOVANNI PASCOLI

CON LA PRESENTAZIONE VENERDI’ 24 FEBBRAIO 2012 – ORE 18.00

DELLO STUDIO

“NEL MARE DI CALIPSO. LA DISSOLVENZA OMERICA E L’ALCHIMIA MEDITERRANEA IN GIOVANNI PASCOLI” DEL MIBAC

DI PIERFRANCO BRUNI E MARILENA CAVALLO

INTERVENTI DI ADRIANA POLI BORTONE

CON IL COORDINAMENTO DI MARIA ROSARIA FERILLI

PALAZZO DEI CELESTINI – SALA CONSILIARE – PROVINCIA DI LECCE

 

 

Lecce celebra Giovanni Pascoli a 100 anni dalla morte con lo studio “Nel mare di Calipso. La dissolvenza omerica e l’alchimia mediterranea in Giovanni Pascoli” di Marilena Cavallo e Pierfranco Bruni,edito dalla Casa editrice Pellegrini. Intervento introduttivo di Adriana Poli Bortone. Coordina Maria Rosaria Ferelli. Relazioni di Pierfranco Bruni, responsabile Progetto Pascoli del Mibac e la saggista Marilena Cavallo. Lo studio rientra nel “Progetto sul Plurilinguismo, la lingua e il Mediterraneo nelle interpretazioni di Giovanni Pascoli”, curato da Pierfranco Bruni, del Ministero per i beni e le attività culturali – Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti Culturali e il Diritto d’Autore. La manifestazione è organizzata dall’Associazione Culturale IO SUD.

La Prefazione alla ricerca è del Direttore Generale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Maurizio Fallace. Lo studio di Marilena Cavallo e Pierfranco Bruni apre un confronto tra le radici omeriche e mediterranee, la cultura islamica e la classicità nella tradizione del Novecento letterario italiano. Protagonista è Giovanni Pascoli nel centenario della sua morte in un attraversamento originale nel quale si pone l’attenzione anche sulla poesia sufica e sulla visione di una poesia che ha radici orientali. Uno dei punti forti dello studio è anche il rapporto tra la lingua del Pascoli e le forme linguistiche che lo stesso poeta adotta all’interno dei suoi testi. Un plurilinguismo in una dialettica dell’antropologia poetica.

Il saggio di Marilena Cavallo e Pierfranco Bruni dal titolo: “Nel mare di Calipso. La dissolvenza omerica e l’alchimia mediterranea in Giovanni Pascoli” propone, con una coraggiosa originalità, l’intreccio di tematiche letterarie attraverso parametri esistenziali e mitico – simboliche. Uno scavo nell’estetica dei contenuti e nell’intreccio delle tematiche che Pascoli ha sottolineato e a volte sottaciuto. La lingua e i simboli in un Centenario che farà discutere sui percorsi del Novecento letterario e linguistico europeo.

Uno studio interessante che cesella la necessità di riproporre un poeta mai al di fuori di quella grazia che è data dal mistero. In fondo c’è il Pascoli bucolico e dei personaggi drammatici e inimitabili, ma c’è anche il Pascoli che vive in prima persona la dissolvenza omerica perché è convinto che la poesia stessa non solo si rinnova attraverso la lingua ma lentamente e perennemente si innova nei processi estetici che restano come pietre riflettenti di una eredità di culture. Il Pascoli che si identifica in Ulisse e si innamora di Calipso è un immaginario il cui respiro ha una precisa connotazione europea in una cultura tra la presenza mediterranea e una chiave di lettura fortemente dentro la letteratura americana. 

 

 

 

[Dal lancio-stampa ricevuto; segnalazione di Maurizio Vitiello.]

 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.